Al via il festival Piano Salerno Forte

  • Dove
    Chiesa di San Giorgio
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 01/03/2015 al 27/03/2015
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Al via Piano Salerno Forte 2015

di Marco Bencivenga

Prenderà il via domenica 1 marzo a Salerno la seconda edizione del festival pianistico "PianoSalernoForte", evento promosso dall'Azienda Autonoma Soggiorno e Turismo di Salerno in collaborazione con l'Ente Provinciale per il Turismo e l'Assessorato al Turismo della Regione Campania. La Ditta Santarpino fornirà il pianoforte gran coda Yamaha CFX gratuitamente.

Abbiamo incontrato il Maestro Costantino Catena, direttore artistico del festival ed eccellente personalità pianistica internazionale, che ci ha illustrato il suo progetto, capace di unire un luogo prestigioso quale la Chiesa barocca di San Giorgio e un cartellone di elevata qualità con ben cinque concerti gratuiti.

D. Maestro Catena, siamo alla seconda edizione del pianismo classico a Salerno. Cos'ha previsto quest'anno?

R. A differenza dell'anno scorso quest'anno siamo riusciti a proporre un concerto in più: il concerto inaugurale sarà tenuto da François-Joël Thiollier, per poi approdare al duo Leone-Campanella e Giuseppe Andaloro, passando per Mariangela Vacatello e Filippo Balducci.

D. Una vera cinquina di eccellenze?

R. Sono pianisti molto noti. Si va da nomi che godono di consolidata e chiara fama in tutto il mondo a più giovani interpreti, vincitori di prestigiosi concorsi internazionali o specialisti in un determinato repertorio. Il festival prenderà il via il 1 marzo con il grande virtuoso francese François-Joël Thiollier, che alla sua residenza abituale parigina alterna lunghi periodi di soggiorno proprio in provincia di Salerno, precisamente nel Cilento, a Pollica, dove è proprietario di un'abitazione. A seguire, l'8 marzo, nella giornata internazionale della donna, ci sarà la pianista Mariangela Vacatello, nota esponente del pianismo campano, nata a Castellammare di Stabia e premiata in numerosi e prestigiosi concorsi pianistici internazionali. Il 15 marzo sarà la volta del pianista barese Filippo Balducci: questo appuntamento sarà dedicato al grande compositore russo Aleksandr Nikolaevič Skrjabin, scomparso nel 1915 e di cui quindi quest'anno ricorre l'anniversario. Balducci è un "esperto" di Skrjabin, avendo pubblicato anche un libro dal nome "Musica dell'apocalisse: la rivoluzione di Skrjabin". Il 22 marzo seguiranno Monica Leone e Michele Campanella, grande esponente della scuola pianistica napoletana, un noto duo a quattro mani nel pianoforte e nella vita, che in questo appuntamento ci distrarrà dal pianoforte solistico per darci anche una visione "cameristica" dello stesso. Infine il 27 marzo il pianista siciliano Giuseppe Andaloro, vincitore - tra gli altri - del prestigioso Concorso Pianistico Internazionale Ferruccio Busoni di Bolzano nel 2005 chiuderà il nostro festival.

D. Ed ora parliamo del Suo impegno come direttore artistico di "PianoSalernoForte". L'incipit lo affiderei a questa domanda: di che cosa si compone necessariamente la personalità di un direttore artistico?

R. Credo che fare il direttore artistico da pianista sia profondamente diverso che farlo - come avviene spesso - senza essere direttamente coinvolti in questo mondo: in questo senso posso dire che secondo me una componente importante è la competenza specifica. Per il resto ho trovato degli ottimi interlocutori nei dirigenti dell'Ente Provinciale per il Turismo, a cui va il mio ringraziamento per aver promosso l'iniziativa, e in Aldo Santarpino, la cui generosità ci ha consentito di avere un prestigioso strumento come il gran coda Yamaha CFX a disposizione per i concerti.

D. Cosa si aspetta da questa seconda edizione dato il successo riscontrato nella prima?

R. La risposta del pubblico nella scorsa edizione è stata molto positiva, abbiamo avuto sempre il pienone con un pubblico molto attento, silenzioso, fedele ed entusiasta. Sono convinto che anche quest'anno andrà anche meglio.

D. L'anno appena iniziato ha visto la dipartita del grande pianista napoletano naturalizzato francese Aldo Ciccolini. Iniziare il festival proprio con un pianista francese è un omaggio al grande Maestro recentemente scomparso?

R. François-Joël Thiollier è un grande virtuoso della tastiera e un pianista molto raffinato. Certamente si possono cogliere delle affinità con Aldo Ciccolini, grande interprete del repertorio francese, che Thiollier interpreterà nel primo concerto (Debussy e Ravel): sicuramente è un modo per ricordare Ciccolini e per stabilire un contatto ideale.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Scrittura e recitazione: Sergio Mari presenta il suo capolavoro

    • Gratis
    • dal 30 marzo 2021 al 27 aprile 2022
    • Biblioteca di Salerno
  • Parmigiana e pasta fresca con Panthakù: in cucina gli alunni di due scuole salernitane

    • dal 20 aprile al 15 giugno 2021
    • On line, Google Meet
  • Festa della mamma solidale: Saremo Alberi aiuta gli indigenti

    • dal 9 aprile al 8 maggio 2021
    • Saremo Alberi, in collaborazione con l'Associazione Caterina Onlus
  • Salerno Letteratura: scelta la terna del premio "Salerno libro d'Europa"

    • Gratis
    • dal 1 al 20 aprile 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    SalernoToday è in caricamento