Babbo Natale granata: l'iniziativa benefica del Rione Podestà

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Un Babbo Natale tutto granata pronto a consegnare doni e sorrisi ai bambini delle case famiglia di Pontecagnano Faiano. E' questa l'ennesima iniziativa di solidarietà targata club Rione Podestà. Grazie al contributo di tanti imprenditori del territorio e al sostegno del gruppo "Aste italiane made in Salerno", l'associazione di tifosi della Salernitana, guidata dall'instancabile presidente Antonio Anastasio, riuscirà a soddisfare richieste e desideri contenuti nelle letterine indirizzate a Santa Claus. Per la gioia dei piccoli ospiti di Agorà onlus, la Casa di Clara, Fili d'erba e la Luna di carta. 

I dettagli


Un bel momento di gioia ed emozione reso possibile dallo straordinario impegno di un club, quale il rione Podestà, che non è nuovo a progetti di questo tipo. Prosegue, infatti, presso la sede associativa di via Carducci e i supermercati Conad, Decò ed Eté, anche la raccolta di generi di prima necessità destinati alle famiglie in difficoltà attraverso i carrelli sospesi, attivati durante il lockdown di marzo. Forte e convinto anche il supporto che il Rione Podestà ha garantito alle lodevoli iniziative benefiche promosse dai ragazzi del "Direttivo Salerno", a favore di bambini bisognosi di cure, ed intensa la collaborazione con il Ccsc e altre realtà sportive e sociali. Tanti anche gli eventi ludici promossi, come la famosa "Festa dei colori" che, nel settembre dello scorso anno, richiamò centinaia di ragazzi in piazza Sabbato tra balli, canti, spettacoli e benedizione degli zaini in vista dell'avvio del nuovo anno scolastico. E, ancora, bel successo per i mercatini solidali di Natale e altri appuntamenti passati. Questo è lo spirito che, dal 22 agosto del 2019, data di inaugurazione del club, guida un gruppo di amici, accomunati da un folle amore per la Salernitana, un grande cuore e un forte senso di appartenenza al proprio territorio. E la storia continua con tante pagine stupende ancora da scrivere.

Torna su
SalernoToday è in caricamento