"Piccoli detective", la sfida del sindaco per regalare sorrisi ai bambini

Il contest si apre con la “presentazione” di alcuni rebus che i piccoli dovranno risolvere. Prevede che poi siano gli stessi minori, eventualmente supportati dai genitori, a sottoporre al Primo Cittadino nuovi enigmi da sciogliere

Giuseppe Lanzara, sindaco di Pontecagnano Faiano, lancia sul suo profilo Instagram l’iniziativa Piccoli Detective, una sfida destinata a bambini e ragazzi e finalizzata a trascorrere in modo costruttivo e divertente una piccola parte delle ore trascorse in casa.

Il contest

Si apre con la “presentazione” di alcuni rebus che i piccoli dovranno risolvere. Prevede che poi siano gli stessi minori, eventualmente supportati dai genitori, a sottoporre al Primo Cittadino nuovi enigmi da sciogliere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commento

“L’idea di questa “missione speciale” nasce come conseguenza naturale delle richieste ricevute da tutti quei genitori che, in queste settimane di “reclusione forzata”, mi hanno chiesto supporto di ogni genere per rendere meno complicato un periodo di per sé già difficile.  Da qui è nato il progetto: semplice, alternativo, che mi consente di esprimere una vicinanza concreta alle famiglie e strappare un sorriso ai loro bambini, che per primi stanno subendo le limitazioni derivanti da questa incredibile epidemia”, ha chiarito il Sindaco. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus a Cava de' Tirreni, morto luogotenente dei carabinieri

  • Covid-19: situazione drammatica al Ruggi, anziana in gravissime condizioni

  • Covid-19: altri 3 contagi a San Mango, nuovi casi a San Severino, Sarno, Vibonati e Nocera

  • Covid-19: contagi in diminuzione in Campania, l'analisi dei dati

  • Covid-19: in Campania 2.677 contagi, 8 nuovi positivi a Salerno città

  • Covid-19 a Cava, lo sfogo di Carla De Pisapia: "Mio padre è morto e devono ancora farmi il tampone"

Torna su
SalernoToday è in caricamento