Ci guidava la passione - V edizione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

COMUNICATO STAMPA

"Ci Guidava la passione" V edizione

20 marzo 2015, Chiesa di Sant'Apollonia, Via S. Benedetto, Salerno

21 marzo 2015, Disclan, Piazza Sedile di Portanova, Salerno

ingresso libero

L'Associazione Daltrocanto, in collaborazione con StudioApollonia e Disclan, proporrà a Salerno venerdì 20 marzo 2015, presso la Chiesa di Sant'Apollonia, a partire dalle 19.30, la V edizione di "Ci Guidava la passione".

La manifestazione ha l'obiettivo di evidenziare quanto la musica d'autore continui a essere elemento centrale per la trasmissione di messaggi di impegno sociale e civile.

Il programma di quest'anno vedrà la presenza dei "Gang", gruppo storico della musica italiana, attivo da oltre trent'anni su tutto il territorio nazionale.

Marino e Sandro Severini, fondatori ed anime della compagine musicale marchigiana, racconteranno l'incredibile fenomeno di crowfounding (letteralmente finanziamento della folla) che li ha portati a realizzare, con l'aiuto di tantissimi sostenitori, un nuovo disco dopo oltre 14 anni dall'ultimo realizzato.

"Sangue e Cenere", questo il titolo del nuovo lavoro discografico, sarà poi presentato Sabato 21 Marzo alle ore 12 presso Disclan, in Piazza Portanova, con uno showcase acustico accompagnato da un piccolo aperitivo. Da ormai cinquant'anni Disclan rappresenta per la città di Salerno ben più di un semplice negozio di dischi, rappresentando un vero e proprio punto di incontro e ritrovo di musicisti e appassionati, come del resto sottolineato dal suo stesso nome.

Altro momento significativo della serata di venerdì sarà la presentazione del libro "Camorra Sound - 'O sistema nella canzone popolare napoletana tra giustificazioni, esaltazioni e condanna" di Daniele Sanzone.

L'autore affronta il tema del rapporto tra musica e potere criminale, ponendo soprattutto un quesito scomodo: perché la musica impegnata napoletana ne ha sostanzialmente taciuto? L'analisi - che passa attraverso interviste ad artisti e operatori culturali di ieri e di oggi, tra cui 'O Zulù dei 99 Posse, Raiz degli Almamegretta, Caparezza, Edoardo Bennato, Teresa De Sio, Dario Fo - lascia aperta, insieme alla domanda, una riflessione che è ancora tutta da fare.

Al libro è stato conferito il 19° Premio nazionale Paolo Borsellino.

Ne discuteranno insieme all'autore Daniele Sanzone - scrittore e musicista, fondatore e voce del gruppo 'A67- Marcello Ravveduto, referente cittadino di Libera e Antonio Giordano, presidente dell'Associazione Daltrocanto.

 

Torna su
SalernoToday è in caricamento