La montagna vicino Salerno: 5 escursioni a due passi dalla città

Zaino in spalla, scarpe comode, occhi curiosi, cuore aperto alle esperienze e al desiderio di pace, relax ma anche conoscenza. Vi invitiamo ad allacciare le cinture ed a dirigervi, in questi giorni di calura estiva, nelle oasi di pace e refrigerio, a pochi chilometri da Salerno

Zaino in spalla, scarpe comode, occhi curiosi, cuore aperto alle esperienze e al desiderio di pace, di relax ma anche di conoscenza. Vi invitiamo ad allacciare le cinture ed a dirigervi, in questi giorni di calura estiva, nelle oasi di pace e refrigerio, a pochi chilometri da Salerno. Ce ne sono tante: in comune hanno l'altura, ma sono in realtà profondamente diverse, perché ciascuna è inimitabile scrigno di tradizione, cultura, folklore.

Il gigante della Campania

Il Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano raggiunge il suo punto più alto nella cima del monte Cervati, che è anche la maggiore vetta della Campania. Ricade principalmente nei comuni di Sanza e di Piaggine ma è raggiungibile attraverso tanti itinerari, punto di approdo, meta di tanti escursionisti. Il rifugio Cervati fa da presidio e baluardo: cucina tipica, ospitalità, salsiccia e formaggi nostrani. Sono organizzate anche escursioni a cavallo, immersi in un'oasi di pace e relax. Qui bisogna fermarsi e lasciar parlare la natura che irrompe sulla scena. Di recente, è stato organizzato anche un suggestivo spettacolo teatrale, a quasi 2000 metri di altezza.

Vacanze e culto micaelico

Se volete trascorrere la notte in montagna, godendo di un panorama mozzafiato, dovete puntare con decisione a Nord del capoluogo. A Calvanico, nella Valle dell'Irno, c'è Pizzo San Michele, con il Santuario dedicato al culto micaelico. Non è solo meta di pellegrini, in un mix di folclore e tradizione, ma è anche la "finestra" spalancata su più province, al confine tra il territorio salernitano e quello avellinese. Pizzo San Michele è la vetta più occidentale di un rilievo montuoso che si trova nel Parco regionale dei Monti Picentini. Si può arrivare a quota 1567 metri attraverso due sentieri: il primo parte da Solofra e l'altro, più abbordabile, da Calvanico.

Il tesoro più grande nel posto più piccolo

Valle dell'Angelo, il paese meno popoloso di tutta la regione Campania, sforna i "parmarieddi", piatto disponibile nei ristoranti e locande del paese. E' turismo di nicchia e prossimità, ma negli ultimi anni il passaparola ha contribuito a favorire anche un turismo extra regionale. I famosi gnocchetti preparati a quattro dita, la cui forma evoca la foglia dell'ulivo, sono l'attrazione per i golosi. Prima del meritato ristoro, però, sarà possibile godere degli ambienti naturali che offre Valle dell'Angelo, luoghi che hanno un potere rigenerativo e sono di grande bellezze paesaggistica. Per chi è alla ricerca del "green" e della tranquillità, peculiarità esclusive dei borghi rurali, e per gli escursionisti e amanti del trekking, c'è la possibilità di fare visite guidate alla Grotta dell'Angelo, alle Gole del Festolaro, alla Grava di Vesalo. In agenda anche il villaggio rurale di Pruno e la Chiesa di San Barbato.

San Donato e le sorgenti

Acerno ad agosto è in festa perché rende onore a San Donato, il proprio Patrono. Acerno è un'altra meta sinonimo di relax, ristoro, natura, montagna. Di grande suggestione è l'escursione lungo il sentiero delle acque. E' un itinerario che si sviluppa completamente nel territorio comunale di Acerno, sui Monti Picentini. L'itinerario è un circuito che comincia dal centro abitato e risale fino al cuore delle sorgenti acernesi. Una prima fase carrabile conduce verso Ponte Aiello e ai castagneti del "piano". Poi cominciano i boschi: querce, faggi, il Torrente Astratto, località l'Acino, lo scollinamento della "Arenosa", fino al letto del fiume Tusciano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In volo

La zip-line è una delle attrazioni di Laurino, un'altra meta "green" della provincia di Salerno. E' un salto tra boschi e montagne, riservato agli amanti del volo. Il punto di lancio è fissato sul Monte “La Guardia”, attraverso un viaggio panoramico in monorotaia. Uno dei luoghi più suggestivi è l’inghiottitoio, che i locali chiamano la “Grava”. C'è anche la grotta dei Fraulusi: è tappa obbligata, area archeologica con reperti ossei dell’età del bronzo. Da non perdere la grotta di Sant'Elena. Di grande pregio anche la Collegiata la Chiesa di Santa Maria Maggiore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: tra ieri e oggi 24 nuovi casi nel salernitano, contagio a Campagna

  • Covid-19: schizzano i contagi nel salernitano, i dati sui ricoveri

  • Covid-19: altri 6 positivi a Pontecagnano, altri 2 contagi a Cava

  • Contagi Covid in aumento, parla De Luca: "Ondata pericolosa in autunno"

  • Covid-19: 195 nuovi contagi di cui 21 casi di rientro, coppia positiva a Campagna

  • Covid-19, cinque casi nel comune di Serre. Il sindaco: "Uscite solo se necessario"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento