Montecorvino Rovella ospita il festival dell'arte e della cultura: ecco il programma

La sezione arte prevede una rassegna d'arte contemporanea che vedrà la partecipazione di 29 artisti. La sezione cultura, invece, prevede un ciclo di sei incontri nei luoghi più suggestivi del territorio

Si aprirà ufficialmente il 24 luglio la seconda edizione del Festival d'Arte e Cultura a Montecorvino Rovella. L'iniziativa, organizzata dall'amministrazione in collaborazione con la Pro Loco e diretta da Giuseppe Carabetta, sarà costituita da una sezione arte e da una sezione cultura. La sezione arte prevede una rassegna d'arte contemporanea che vedrà la partecipazione di 29 artisti, che esporranno le loro opere presso il conservatorio Santa Sofia in una mostra permanente che sarà visitabile ogni sabato e domenica pomeriggio da agosto a settembre dalle ore 19 alle 21. La sezione cultura, invece, prevede un ciclo di sei incontri nei luoghi più suggestivi del territorio montecorvinese con delle eccellenze campane che per l'occasione saranno intervistate dal giornalista Aniello Palumbo. 

Il programma

Il primo incontro si terrà sul viale Capuccini sabato 1 agosto alle ore 20: a partecipare il professor Carlo Montinario, scrittore già primario pediatra ed attuale preside della Università Popolare Nuova Scuola Medica Salernitana. Sabato 8 agosto, nella splendida cornice di Piazza del Toro (Gauro) toccherà invece al professor Vincenzo Pagliara, oculista, musicista, cantautore, docente di oculistica e magister dell'Università Popolare Nuova Scuola Medica Salernitana. A seguire vi sarà il concerto "Le più belle canzoni di sempre".  Il 22 agosto si ritornerà sul viale Cappuccini con l'avvocato Gian Ettore Gassani, presidente dell'Ami e consulente Rai.  Il 29 agosto tappa a San Martino con il professor Vincenzo Salerno, italianista e docente presso l'Università di Salerno. Il 5 settembre penultimo appuntamento presso l'ex conservatorio di Santa Sofia con l'architetto e scrittore Felice De Martino. Il 12 settembre gran finale sul viale Cappuccini con l'intervista a Paolo Romano, giornalista, scrittore e poeta. In ogni appuntamento sul territorio sarà allestita una mostra temporanea di opere realizzate da 22 artisti di Montecorvino Rovella: un festival nel festival nato con l'obiettivo di dare lustro alle eccellenze montecorvinesi e permettere loro di farsi conoscere ed apprezzare. "Con gli appuntamenti organizzati nei punti più suggestivi del nostro territorio - sottolinea l'assesssore alla Cultura, Stefania Quaranta - portiamo l'arte "porta a porta". Il nostro obiettivo è proprio questo: avvicinare il più possibile la comunità alla cultura ed interagire con gli artisti del territorio, che rappresentano per noi un patrimonio inestimabile. Grazie al supporto instacabile delle associazioni locali riusciremo a raggiungere tale obiettivo. Come ho già avuto modo di ribadire durante il lockdown: ripartiamo dalla bellezza".

La presentazione

"È motivo d'orgoglio - aggiunge il sindaco, Martino D'Onofrio - annunciare la seconda edizione del Festival. Nonostante le difficoltà legate al Covid, abbiamo deciso di organizzare un'iniziativa itinerante che rispetterà in pieno le norme anti contagio. Un ringraziamento particolare voglio rivolgerlo alla Pro Loco, sempre attiva sul territorio con passione e dedizione, al direttore artistico Giuseppe Carabetta, che ha costruito pezzo dopo pezzo un cartellone di grande interesse, ed a tutti gli artisti che parteciparanno al Festival".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Riapertura scuole in Campania, tamponi su docenti e alunni: De Luca firma l'ordinanza

Torna su
SalernoToday è in caricamento