Comincia il festival nazionale Teatro XS di Salerno: dodici titoli per la dodicesima edizione

Nove date per altrettanti spettacoli da vedere di domenica in domenica – tranne per un solo sabato - alle ore 19. Una piccola Italia sarà in scena per la dodicesima edizione del Festival Nazionale Teatro XS Città di Salerno

Nove date per altrettanti spettacoli da vedere di domenica in domenica – tranne per un solo sabato - alle ore 19. Una piccola Italia sarà in scena per la dodicesima edizione del Festival Nazionale Teatro XS Città di Salerno, organizzata dalla Compagnia dell’Eclissi con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana, della UILT, dell’IIS Genovesi – Da Vinci e con il patrocinio del Comune di Salerno. A calcare le tavole del Teatro Genovesi di Salerno saranno le compagnie che arrivano dalla Liguria, dalla Puglia, dall’Emilia Romagna, dal Lazio, dalla Sicilia e dalla Campania.

 

Gli appuntamenti

Domenica 16 febbraio la Compagnia La Terra Smossa di Gravina (Bari) presenterà “Il re muore” di Eugène Ionesco. L’autore in questo testo racconta la condizione umana attraverso una favola dalle dimensioni e dai colori grotteschi, in un’atmosfera surreale e metafisica, “dipingendo” i personaggi alla maniera di de Chirico. Domenica 1 marzo sarà l’Associazione Culturale A.LI.B.I. di Tricase (Lecce) a salire sul palco di via Principessa Sichelgaita con “Muttura” di Walter Prete. Due attori in scena, un argomento e tanti punti di vista. “Muttura” parla di rifiuti interrati. In Salento, dove lo spettacolo è nato, è successo. Altrove pure, e non solo in Italia. Lo sguardo di “muttura” sull’argomento non è univoco: è la ricerca di un colpevole, o anche solo di un capro espiatorio, ma questa volta – come spesso accade - la realtà non è così lineare e a cercare i cattivi ci si addentra in una nebbia tenace e densa (in dialetto leccese la chiamiamo “muttura”) in cui vedere gli atri è difficile, mentre diventano sempre più evidenti i propri passi falsi. Domenica 15 marzo la compagnia Prospet di Napoli sarà di scena con “Pacchiello, venditore ambulante di taralli caldi caldi e guai neri neri” di Pasquale Ferro, con Roberto Capasso.  Pacchiello è un untore, e l’usura è un sistema, un mezzo necessario per “contagiare” le vittime debitrici. Un desiderio assoluto di condivisione della lordura della propria esistenza. Un uomo dimenticato dalla coscienza, ossessionato dal potere, vive i ricordi che gli passano accanto veloci come un treno, fino ad investirlo. Un Riccardo III “neomelodico” trasportato in una Napoli ubriaca e senza pudore. Sabato 4 aprile, alle ore 21.15, ci sarà la Compagnia Grandi Manovre di Forlì con “La soglia” da “Le sas” di Michel Azama.  È uno spettacolo immerso in un luogo senza tempo, perché il carcere smembra le giornate e le anime. E’ uno strano viaggio tra più mondi, con risvegli sudati e rabbiosi, inaspettate e graffianti tenerezze, ribellioni incoscienti come un urlo senza voce. Domenica 19 aprile il sipario del Teatro Genovesi si aprirà per ospitare la Compagnia PolisPapin di Roma in “Tàlia si è addormentata” di Francesco Petti. Lo spettacolo mette in scena una delle versioni più antiche della fiaba a tutti nota come “La Bella Addormentata”: quella tratta dal Pentamerone di Giambattista Basile da cui riprende le atmosfere barocche, il gusto letterario della narrazione e le sfumature gotiche. Domenica 26 aprile ultimo spettacolo in concorso con la Compagnia RamuliArte di Camastra (Agrigento) in “Inquilini” di Lillo Zarbo e Chiara Callegari. Nato dalla raccolta di testimonianze, ricordi e storie pubblicate o tramandate da nonni e zii, lo spettacolo si presenta come una fiaba surreale che, con punte d’ironia, comicità e apparente leggerezza affronta temi importanti della storia italiana e in particolar modo siciliana. Domenica 3 maggio la Compagnia degli Evasi di Castelnuovo Magra (La Spezia) presenterà “Senza Hitler” di Edoardo Erba. “Scarso talento, prova di disegno insufficiente”, fu il verdetto di non ammissione per il diciottenne Adolf Hitler all’Accademia di Arti Figurative di Vienna nel 1907. Quel fallimento contribuì probabilmente all’inizio del processo di odio del futuro Fuhrer verso tutta l’umanità. In questo testo, l’autore Edoardo Erba, immagina e crea una dimensione parallela agli eventi accaduti: Hitler viene promosso all'esame di entrata dell'Accademia di Vienna e realizza il sogno della sua giovinezza: diventare pittore.

Gran finale

La serata finale con la proclamazione dei vincitori ci sarà domenica 10 maggio, alle ore 19. Come di consueto prima di conoscere i nomi di coloro che saliranno sul podio della dodicesima edizione del Festival Nazionale Teatro XS Città di Salerno al pubblico sarà proposto uno spettacolo. Quest’anno a salire sul palco del Genovesi sarà La Cantina delle Arti di Sala Consilina in “L’uomo dal fiore in bocca” di Luigi Pirandello. Info e prenotazioni mobile 347 6178242 – 089 254524, totaenzo@libero.it. Ampio parcheggio gratuito. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

Torna su
SalernoToday è in caricamento