Settimia Spicchino e il ghetto di Roma: giornata della memoria a Cetara

Un dibattito-spettacolo per le scuole, incontri d’autore sulla Shoah a Cetara. Si comincia domani, martedì 25 gennaio, alle ore 9.30

A 75 anni dall’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, il 27 gennaio 1945, l’Amministrazione comunale di Cetara celebra la Giornata della Memoria dello sterminio, organizzando “Incontri d’autore, Shoah 2020” . Parteciperanno gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Cetara, insieme ai loro genitori, agli insegnanti ed operatori sociali e parrocchiali, per ricordare, riflettere e discutere sul tema dell’Olocausto e su quanto accaduto a milioni di persone colpevoli di essere ebrei, omosessuali, testimoni di Geova, zingari, disabili, deportati civili e militari, bambini. Tanti bambini.

Il programma

Si comincia domani, martedì 28 gennaio, alle ore 9:30, con appuntamento a Piazzetta Cantone, lì dove è stata affissa una lapide in ricordo di Settimia Spizzichino, deportata ebrea italiana superstite e unica donna sopravvissuta al rastrellamento del ghetto di Roma che, nel corso degli anni, divenne una tra le preminenti testimoni e memorie storiche della Shoah italiana. Amava Cetara, scegliendo quel vicolo della piazzetta come sua dimora, per ritrovare momenti di serenità. 

La giornata


A seguire, presso la Sala Polifunzionale “M.Benincasa”, dopo i saluti del sindaco di Cetara Fortunato Della Monica, con l'Assessore alla Cultura Angela Speranza e il Consigliere delegato alle Politiche Giovanili Daniele D'Elia, il parroco di Cetara Don Andrea Caputo e il Prof. Franco Bruno Vitolo daranno il via al dibattito “Gli anni rubati”: memorie di Settimia e documentazione della Shoah. Al termine, le scuole prenderanno visione dello spettacolo di danza “Per non dimenticare”, a cura della compagnia “Fusion”, con le coreografie di Maria Cardamone che, attraverso il linguaggio della musica e del corpo, intende esprimere un messaggio, quanto mai attuale. Facendo riferimento alla Shoah, con i fatti e gli avvenimenti che hanno sconvolto il prosieguo della storia stessa, i passi di danza porteranno alla luce, in maniera brutale, la ferocia e l'assurdità che la parte più buia dell'animo umano può riservare. “E’ un’occasione in cui sentiamo il dovere di trasmettere e rendere viva la Memoria, affinché quello che è stato non si ripeta” – spiega il primo cittadino di Cetara, Fortunato Della Monica. “Le pochissime persone sopravvissute che, coraggiosamente, ci tramandano quello che hanno vissuto, devono avere la certezza, oltre alla consapevolezza che porteremo avanti questa battaglia per loro” – aggiunge. “Noi saremo la loro testimonianza domani”. L'arte coreutica che crea dei codici nuovi non verbali, è proprietaria di qualità evocative stupefacenti, capaci di colpire la sensibilità di ognuno, invitando a profonde riflessioni sul male e sugli atti di violenza quotidiana. “E’ importante che i giovani, accompagnati dai loro genitori e dalle istituzioni, attraverso questi incontri si confrontino con la storia e con i suoi drammi, per innescare una riflessione necessaria sui temi della tolleranza, della violenza e dell'integrazione,” – afferma Angela Speranza, Assessore alla Cultura di Cetara.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

Torna su
SalernoToday è in caricamento