Il miracolo di san Gerardo Maiella

  • Dove
    borgo di Santomenna
    Indirizzo non disponibile
    Santomenna
  • Quando
    Dal 28/08/2015 al 28/08/2015
    20:30
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

SANTOMENNA: nella seconda edizione della rassegna "R-Estate a Santomenna" Venerdì 28 agosto alle 20,30 la compagnia teatrale "Dioscuri" di Campagna, con i testi scritti dal poeta e paesologo Franco Arminio, metterà in scena la rievocazione storica de - Il miracolo di San Gerardo Maiella - farà da cornice alla rappresentazione teatrale l'antico borgo del paese in via Roma ove ancora oggi si può visitare la bottega del fabbro che ferrò il cavallo di Santo Gerardo. Il racconto di quando il cavallo del giovane frate percorrendo le strade di Santomenna, scalpi­tando sui ciottoli, perdette i ferri. Gerardo si fermò dal mani­scalco del paese, il quale, chiese un prezzo troppo alto per il giovane monaco che lo riprese aspramente e rivolgendosi al cavallo disse: «Restituiscigli i ferri!». L'animale, alzando l'uno dopo l'altro, i quattro zoccoli, li fece ricadere per terra. Gerardo Maiella, nato a Muro Lucano nel 1726, fin da bambino sognava di diventare frate era spesso ospite a Santomenna presso il convento dei padri cappuccini dall'amato zio Padre Bonaventura che all'epoca faceva già sentire il suo prestigio per­sonale di uomo dotto e virtuoso nella provincia religiosa. Poco conosciuta è la storia di quando un giovanissimo Gerardo si presentò alle porte del convento sicuro che padre Boonaventura lo avrebbe accolto nel monastero fra la pace e il silenzio così da poter contemplare giorno e notte la maestà del creatore e presentarsi ai popoli con la testa rasa, i piedi scalzi, il cordiglio ai fianchi. Lo zio riteneva che il giovane ragazzo fosse troppo fragile e magro, la vita da frate richiedeva ben altre spalle, senza una salute di ferro, non si resiste nell'ordine di S. Francesco e il giovane dovette far ritorno a casa. Nel 1748 ebbe modo di unirsi a un gruppo di sacerdoti redentoristi passati per Muro Lucano per una missione, nel 1752 pronunciò i voti. Morì a Materdomini (AV) oggi è ricordato come il santo protettore delle madri e dei bambini.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Alla scoperta della Certosa di Padula con la guida Giuseppe Verga

    • dal 12 luglio al 31 dicembre 2019
    • Certosa di San Lorenzo – Padula
  • Eros Ramazzotti in concerto al PalaSele di Eboli: fan mobilitati

    • 6 dicembre 2019
    • Palasele Eboli
  • Festival di San Martino: il "menù" prevede musica, zeppole e vino

    • dal 16 al 17 novembre 2019
    • San Marco: il percorso si snoderà da via Cuono a via Vicenza ccinvolgendo tutti i vicoli collegati.
  • Salerno, mostra personale di carl t. chew - rcbz - reid wood, identity of artist / marginal active resistances two

    • Gratis
    • dal 25 agosto al 21 novembre 2019
    • Spazio Ophen Virtual Art Gallery
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento