menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Musica, mostre, danza: tutto pronto per il Meeting del Mare

Musica, mostre, installazioni, danza, azioni teatrali e incontri d’autore - a ingresso gratuito - in riva al mare del Cilento per una gioiosa esplosione di creatività giovanile

Da venerdì 31 maggio a domenica 2 giugno, l’area porto di Marina di Camerota si trasformerà in un grande palcoscenico all’aperto in occasione della XXIII edizione del "Meeting del Mare", il festival - ideato e diretto da don Gianni Citro - che anticipa la stagione dei grandi raduni open air italiani. Musica, mostre, installazioni, danza, azioni teatrali e incontri d’autore - a ingresso gratuito - in riva al mare del Cilento per una gioiosa esplosione di creatività giovanile.

Il tema e gli artisti

Per l'edizione 2019, è stato scelto il tema Io ricordo. Tre gli headliner, uno per ogni giornata del festival, con uno sguardo attento alla scena italiana contemporanea. Venerdì 31 maggio, spazio a FRANCO126. Sabato 1 giugno,ecco PLANET FUNK. Domenica 2 giugno, si sibirà MOTTA. Insieme a loro, come tradizione, una folta schiera di artisti emergenti e interessanti realtà della musica underground nazionale: N!et, La Terza Classe, Malatja, Stanley Rubik, 1989, Fran e i Pensieri Molesti, La Gabbia, Barracca Republic, DiMeglio, Martino Adriani, Matteo Cappella, San De Villa, Indubstry, Johnny DalBasso e molti altri, per un totale di 50 esibizioni.

Il cartellone

Oltre ai concerti, sono previsti ogni giorno workshop e seminari con professionisti di settore, aftershow, dj set, incontri con gli autori e jam session presso il Meeting del Mare Camp: un vero e proprio mini-campus (attivo dal 30 maggio con un contest per band emergenti) in cui, dalla mattina fino a notte fonda, tutte le band avranno la possibilità di confrontarsi e far ascoltare i loro dischi/demo agli ospiti presenti al festival.

Le arti

Anche quest’anno al Meeting del Mare verrà dedicato ampio spazio all’arte nelle sue diverse forme e ai momenti di riflessione con il CANTIERE VISIVO dove verrà allestita l’intera mostra “Closer - Dentro il reportage”, un festival diffuso dedicato alla fotografia sociale organizzato in collaborazione con Terzo Tropico e Witness Journal. Cinque lavori che raccontano le condizioni critiche di luoghi vicini e lontani. Nella notte tra l’1 e il 2 giugno, subito dopo la fine dei concerti, la Chiesa di Sant’Alfonso accoglierà i detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere protagonisti di “EPOCHE’" (sospesi) per la regia di Marco Puglia. Il carcere, in questo caso, diventa luogo di creazione

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento