"Coprifuoco, reportage per un’insolita antivigilia": mostra al FRaC di Baronissi

Gli scatti documentano i luoghi topici degli incontri cittadini, gli spazi nei quali, da tempo, abbiamo atteso la grande festa dell’anno: sono immagini che specchiano le ansie che avvolgono d’incertezza lo sguardo sul futuro

In versione on line ha aperto al pubblico la mostra "Coprifuco. Reportage per un’insolita antivigilia" di Corradino Pellecchia. L'autore ha realizzato venticinque scatti nei giorni precedenti a questo anomalo Natale.

I dettagli

Testimoniano di un momento fermo della nostra esistenza, del senso coatto che la malattia pandemica, ci costringe a vivere. Documentano i luoghi topici degli incontri cittadini, gli spazi nei quali, da tempo, abbiamo atteso la grande festa dell’anno: sono immagini che specchiano le ansie che avvolgono d’incertezza lo sguardo sul futuro. Il futuro non è più il tempo di una coniugazione, diventa il grigio luogo dell’attesa. La fotografia, come tutte le arti e la scienza, non disperde la sua capacità di affermare un tempo nuovo, perché su di esso si fonda l’avvenire come tempo di concretezza. Pellecchia narra di una Salerno svuotata, di ritmi lenti, di spazi chiusi: anche se la sua mano ferma l’istante, lo sguardo va oltre, entra nella vita, nel vivo desiderio che spinge la comunità ad incontrarsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento