E' tempo di Foodstock: musica e cibo alla festa rurale di Calvanico

Foodstock è una sagra postmoderna. E' la celebrazione di un connubio nato migliaia di anni fa e che oggi prova a dare un nuovo significato alla riscoperta del valore identitario della produzione alimentare

Domenica 28 luglio a Calvanico è in programma la sesta edizione di Foodstock, che celebra i primi 50 anni di Woodstock Nell'agosto del 1969, la Woodstock Music & Art Fair si svolse in una fattoria da latte a Bethel, NY. Oltre mezzo milione dipersone si sono recate in una fattoria di 600 acri per ascoltare 32 gruppi nel corso di quattro giorni, dal 15 al 18 agosto. Jefferson Airplane, Jimi Hendrix, i Grateful Dead, gli Who, Janis Joplin e Crosby, Stills, Nash & Young erano tra gli artisti inseriti nella line-up. Woodstock è conosciuto come uno dei più grandi avvenimenti di tutti i tempi e, forse, il momento più cruciale della storia della musica.

Il programma

Alla sua sesta edizione, Foodstock è uno spazio di espressione per indagare, attraverso le relazioni tra cibo e musica, l’ingrediente principale della Dieta Mediterranea che, paradossalmente, è lo stesso su cui si basava la rivoluzionedi Woodstock: la convivialità. Cibo e musica rappresentano un connubio esemplificativo dell’identità di un territorio e da sempre si sono incontrati e fusi tra i popoli e le culture affacciate sul Mediterraneo. Foodstock è una sagra postmoderna. E' la celebrazione di un connubio nato migliaia di anni fa e che oggi prova a dare un nuovo significato alla riscoperta del valore identitario della produzione alimentare. Insieme alla musica, selezionata come sempre dal direttore artistico Nicola “Nicodemo” Pellegrino, anche il meglio delle produzioni di cibo di qualità. Infatti la Line-Up del palco principale comprende le rockstar del cibo italiano come la mozzarella di bufala, l’olio extra vergine di oliva, pasta e pane prodotta da farine di grani antichi locali, la passata di pomodoro Funky Tomato fatta con pomodori biologici e senza sfruttamento del bracciantato migrante e tante altre. Così come Woodstock invitava a 3 giorni di pace, amore e musica, Foodstock vuole essere un invito a ricostruire un rapporto d’amore con il cibo di qualità e la sua storia, attraverso la musica, la festa, la convivialità: #foodlove appunto. Per la prima volta al Foodstock ci sarà un food selector d'eccellenza: il Kuoko Mercante Mario Avallone, creatore de “La Stanza del Gusto” e “Drugstore Napoli”.

La novità

Altro nuovo format sarà quello delle esperienze multisensoriali come quella proposta da uno storico food-partner di Foodstock: Marsicani (https://www.marsicani.com/) o come “Sensi (s)coperti”, il piacere di conoscere noi stessi attraverso la birra artigianale. Giocheremo a rievocare i ricordi della nostra memoria attraverso la degustazione della birra, in un laboratorio sensoriale che coinvolgerà solo una parte dei nostri sensi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Suicidio a Salerno, uomo trovato morto in strada: si indaga

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento