L'energia dei Negramaro travolge Eboli: due ore di show al PalaSele

  • Dove
    PalaSele
    Indirizzo non disponibile
    Eboli
  • Quando
    Dal 11/03/2019 al 11/03/2019
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni
Giuliano Sangiorgi - foto Angelo Tortorella

Poche parole, zero sermoni, tante emozioni: oltre due ore intense e vibranti, Giuliano Sangiorgi, leader dei Negramaro, parla il linguaggio del cuore, il linguaggio della musica. In migliaia, assembrati ai varchi d'ingresso del PalaSele di Eboli, poi distribuiti in platea e sugli spalti, vogliono solo che canti e lui canta: lo fa tutto d'un fiato, dalle 21 in punto. Si comincia con "Fino all'imbrunire", poi " Ti è mai successo?". Il meglio lo lascia... in bilico solo per qualche minuto, mentre i fan - tutte le fasce d'età, comprese le nonne e le mamme con gli zainetti - cantano a squarciagola. Alle ore 21.49 una breve interruzione e una piccola incursione dentro la famiglia, dentro la vita presa per i capelli, nelle cose di casa Negramaro. "Come state?", chiede Giuliano Sangiorgi ad Eboli, a Salerno, alla Campania, a tanti ragazzi del Sud e fan club che fanno tappa al PalaSele, come se lui conoscesse tutti da sempre. 

E' passata la nottata

Il concerto, in programma in origine il 13 dicembre, era stato rinviato e quindi riproposto lunedí 11 marzo, dopo l'emorragia cerebrale che aveva colpito il chitarrista del gruppo, Emanuele "Lele" Spedicato. "Grazie per averci aspettato - dice Giuliano Sangiorgi a nome dei Negramaro - e grazie per tutto l'amore che avete messo nei vostri pensieri per far tornare su questo pianeta il nostro fratello Lele. L'ha avvertito, tra poco tornerà sui palchi: è stato un miracolo. Come Lele, come la vita, siamo tornati... come "Amore che torni". Effetti speciali: cubo mobile e illuminato, a pochi centimetri dal pubblico, Giuliano al pianoforte. Doppio omaggio a Pino Daniele: il leader dei Negramaro canta Terra Mia e Quanno Chiove in un suggestivo ping-pong con il pubblico e guadagna per il bluesman un "Pino Pino", che arriva fino al Paradiso. 

Le dediche

Poi il concerto riparte da "Solo per te" e fa ancora il pieno di applausi. Scenografia... stellare, quando sul palco filano via note, parole, sogni irrealizzabili e desideri dal profondo dell'anima: "Potessi far tornare indietro il mondo, farei tornare senz'altro te". Un assolo di batteria introduce "Via le mani dagli occhi", che il PalaSele canta con tutta l'energia giovanile delle prime file, accompagnandola con gli immancabili dirette facebook e video prolungati di chi preferisce guardare il concerto con una mano sul telefonino e l'altra sulla nuca propria (selfie) o del fidanzato. Il ritmo, però, è incalzante, senza pause. Il gran finale di un concerto "meraviglioso" è un crescendo d'emozioni: " Mentre tutto scorre", "Nuvole e lenzuola. Dopo l'inchino al pubblico, messaggio finale: "A noi per i fondelli non ci prendono, perché siamo gente di mare: il mare è di tutti".

Le foto che pubblichiamo sono di Angelo Tortorella

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Eros Ramazzotti in concerto al PalaSele di Eboli: fan mobilitati

    • 6 dicembre 2019
    • Palasele Eboli

I più visti

  • Alla scoperta della Certosa di Padula con la guida Giuseppe Verga

    • dal 12 luglio al 31 dicembre 2019
    • Certosa di San Lorenzo – Padula
  • Eros Ramazzotti in concerto al PalaSele di Eboli: fan mobilitati

    • 6 dicembre 2019
    • Palasele Eboli
  • Salerno, mostra personale di carl t. chew - rcbz - reid wood, identity of artist / marginal active resistances two

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 25 agosto al 21 novembre 2019
    • Spazio Ophen Virtual Art Gallery
  • La guerra di Troia nelle Grotte di Pertosa: ecco le date degli spettacoli

    • dal 23 al 24 novembre 2019
    • Grotte di Pertosa-Auletta
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento