Insegno in scena al teatro Giuffré: "58 sfumature di Pino"

Raccontarsi non per autocelebrarsi, ma per raccontare la quotidianità, attraverso gli occhi di un uomo che fa della sua vita un film, dove la realtà si mischia alla finzione. Un viaggio attraverso il cinema, la televisione, la musica ed i nuovi media

Il teatro Giuffrè di Battipaglia ospiterà, domenica 1 marzo, lo spettacolo di Pino Insegno. Alle ore 18.30, l'attore porterà in scena "58 sfumatiure di Pino".

La trama

L’opera teatrale si propone di far rivivere il meglio degli anni ’60, ’70 e ’80, tempi in cui la televisione ha lasciato un segno indelebile. La regia dello spettacolo, firmato da Pino Insegno, Daniele Prato e Federico Perrotta, è di Claudio Insegno. Un viaggio attraverso il cinema, la televisione, la musica e i nuovi media, organizzato secondo fermate alle varie stazioni della vita: con gli spettatori che diventano passeggeri di prima classe e il protagonista, incarnato da Pino Insegno, che impersona il capotreno. Lo spettacolo si propone di far rivivere il meglio degli anni ’60, ’70 e ’80: un trentennio che ha rappresentato il momento di maggior esplosione della televisione ma anche del cinema e della musica facendo sfoggio di quelle arti che hanno fatto grande l’Italia, contribuendo a creare una cultura di massa ancora oggi molto radicata e fortemente iconica. Il protagonista si interroga a lungo su tutto ciò che di nuovo viene proposto oggi, comparandolo – a suon di citazioni, filmati e interazione con il pubblico in sala – ai prodotti del passato, dagli sceneggiati degli anni ’60 fino ad arrivare alla musica degli anni ’80 che ancora oggi incarnano un livello culturale altissimo, soprattutto rispetto alla contemporaneità. Insegno non è solo sul palco: con lui anche l’attore abruzzese Federico Perrotta che aiuta la prosecuzione del racconto allietando il pubblico con simpatici riferimenti ai nuovi media, o gag e battute su come è cambiata la visione della comunicazione. In questo viaggio attraverso il passato si ripercorreranno le emozioni regalate dai più famosi film, si guarderà agli eccessi della televisione, si celebrerà la musica e verrà creato un parallelismo con la carriera di uno dei più grandi doppiatori del cinema in tutte le “sue sfumature”. “Ciò che mettiamo in scena è un percorso che spazia dalla tv al doppiaggio, dal cinema alla danza, passando per il sogno – anticipa Pino Insegno -. Sarà dunque una passeggiata divertente e leggera, ma non superficiale, nella vita mia, che sono un artigiano di questo mestiere. Insieme a me Federico Perrotta che è un po’ la chiave di volta: siamo insieme sul palco e facciamo varie cose tra cui ballare, in soli quattro minuti, i musical più importanti della storia. In genere questo momento è molto amato da tutti, sia grandi che piccini”.

Info utili

Il costo del biglietto è di 20 euro. Previste riduzioni del 10% per under 12, over 65, iscritti a Cral e soci della Bcc Campania Centro. Il botteghino del teatro è aperto dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 20.00. È possibile acquistare i biglietti anche la sera stessa dello spettacolo.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • De Luca sul Covid: "In Campania non si andrà nelle seconde case", poi annuncia i lavori a Salerno e Battipaglia

  • Riapertura scuole in Campania, tamponi su docenti e alunni: De Luca firma l'ordinanza

  • Natale 2020, approvato il Dpcm: ecco le regole per spostamenti, negozi e scuole

Torna su
SalernoToday è in caricamento