Presepi di sabbia a Salerno: ecco tutte le sculture e le novità

Il presepe campano del '700 è il tema dell'edizione 2019. La mostra sarà in esposizione tra la Sala Pasolini e la spiaggia di Santa Teresa, da oggi, 2 dicembre, al 12 gennaio 2020

Torna la mostra il Presepe di Sabbia-Alternativity. Giunta alla quarta edizione, organizzata dalla Compagnia della Sabbia e patrocinata dal Comune di Salerno, si terrà dal 2 dicembre al 12 gennaio 2020. Confermata l'anticipazione: il luogo che la ospiterà non sarà più il sottopiazza della Concordia ma la sua vecchia culla, cioè via Alvarez, tra il Teatro Pasolini e la spiaggia di Santa Teresa.

Il tema

“Presepe Campano del ‘700”, il titolo dell’evento che, di fatto, è divenuto uno degli eventi più attesi del cartellone di iniziative parallele alle Luci d’Artista. Aaron Ojeda (Spagna), Jennifer Padrón (Spagna), Vadim Bandarets (Bielorussia) e Paulo Quaresma (Portogallo) sono i quattro scultori - tra i migliori a livello internazionale - che dal 27 novembre hanno raggiunto Salerno dai loro Paesi di origine e si aggirano nella tendostruttura appositamente allestita vicino all’arenile di Santa Teresa. Scalpelli e getti d’acqua alla mano, fanno quello che più li appassiona: scolpire la sabbia, liberando da tre enormi blocchi di sabbia compressa le loro giganti figure. Gli artisti quest’anno celebrano la natività di Cristo ispirandosi al presepe settecentesco campano. Un viaggio verso le radici di quest’arte intessuto di aneddoti legati ai Borboni, alla storia di una Napoli che fu e, soprattutto, all’emozionalità della tradizione meridionale.  La sabbia si intreccia alla tradizione del Natale campano: Gli artisti forniranno un’interpretazione personale al tema scelto, omaggio all’arte presepiale settecentesca e ai suoi personaggi principali per regalare al suo pubblico un incontro con le radici di questa festività. La mostra abbandona, così, le tematiche legate all’attualità – temi affrontati nelle passate edizioni, come l’immigrazione e la salvaguardia dell’ambiente - per dedicarsi alla storia. Un passo verso questa direzione più “accademica” fu compiuto lo scorso anno, quando il direttore artistico Spena ebbe l’intuizione di celebrare il Medioevo e la Scuola Medica Salernitana, ringraziando l’affetto che la città di Salerno ha sempre mostrato nei confronti di questo particolare contenitore di arte e cultura. Restando, però, su questa linea di omaggio alla città ospitante, gli scultori inseriranno nel presepe elementi distintivi cittadini, come il Castello di Arechi e lo stile architettonico di alcune dimore storiche. 

La presentazione

“L’idea iniziale di questo evento era di coniugare l’arte della scultura della sabbia, molto diffusa e apprezzata all’estero, con tematiche importanti. Ci ho tenuto a conferire uno status di denuncia etico-sociale alle prime edizioni, perché il momento della fruizione artistica ispirasse una riflessione più profonda, anticamera culturale del cambiamento - Domenico Spena, direttore artistico e ideatore dell’evento. Già dall’anno scorso ho avviato un avvicinamento alla storia, dedicando a Salerno una speciale edizione legata alla sua identità e alla Scuola Medica Salernitana. Quest’anno, seguendo la strada della storia, siamo approdati all’animo vero del Natale: il presepe. Quello originale, il nostro, il campano. Quello di Eduardo. Quello di San Gregorio Armeno, luogo in cui il popolo incontra la devozione e la tradizione. Sono dell’avviso che la cultura italiana, soprattutto meridionale, vada sempre protetta e valorizzata: il vero tesoro del futuro è il nostro passato”.

La novità

Partendo da tre enormi blocchi di sabbia compatta, gli artisti daranno vita ad un'unica scultura in cui si muoveranno i personaggi. Si tratta di una nuova tecnica scultorea già nota in altre parti del mondo. Il risultato non è più una sequenza di singole statue collegate solo idealmente tra loro, ma un solo racconto scritto dalla personale sensibilità artistica di diversi scultori. Materiale da record per Salerno: i blocchi di sabbia rappresentano per Salerno un vero record considerate le 140 tonnellate di sabbia, i 15 metri lineari di lunghezza complessiva dei blocchi e i 3,80 metri di altezza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Info utili


Orari di visita: dal lunedì al venerdì, ore 10-13 e 15-20.30. Sabato: 9.30-13 e 15-22.30. Domenica: 9.30-13 e 15-21.30. Ingresso: adulti 2,50 euro, bambini 1 euro, gratuito per bambini fino a 5 anni di età.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lockdown? Arcuri lo boccia, la Campania rinuncia e procede con la didattica a distanza. Chiesti bonus e congedi parentali

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti-bar, si fermano palestre e cinema

  • Fisciano, carabiniere si uccide con un colpo di pistola

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento