menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La regina d'inverno: family show al Teatro delle Arti

Il Teatro delle Arti è sempre più villaggio delle favole grazie a “C’era una Volta VIII”. In scena domenica 10 novembre (alle ore 11, 17 e 19,15) “La regina d’inverno”, tratto da una novella di Andersen

Il Teatro delle Arti è sempre più villaggio delle favole grazie a “C’era una Volta VIII”. In scena domenica 10 novembre (alle ore 11, 17 e 19,15) “La regina d’inverno”, tratto da una novella di Andersen. 

La trama

La storia narra di due sorelle che, divise dal distino, si ritroveranno per non lasciarsi mai più. Ad interpretare le due giovani donne, riservata l’una e spontanea l’altra, saranno le cugine (nella vita reale) Valentina Tortora e Federica Buonomo. Con loro entra nel vivo l’iniziativa, “la Compagnia dell’Arte racconta e si racconta”, una piccola finestra sui componenti della compagine salernitana.

A tu per tu

"Ci lega un affetto unico e la stessa determinazione nel voler trasmettere dal palco il nostro amore per il teatro", spiega Valentina Tortora, cresciuta a pane e polvere di scena grazie a papà Claudio. Il palco è la sua casa, e la vita reale continua ad intrecciarsi con la finzione scenica anche da quando, dieci anni fa, ha sposato il (suo) regista Ronga. Laureata in lettere e filosofia, indirizzo arte, musica e spettacolo, l’attrice salernitana non ha mai immaginato di intraprendere un’altra strada professionale. Un destino “contaminato” senza dubbio dai genitori, Caudio Tortora e Renata Tafuri. "Avevo sette anni quando papà mi portò con lui in scena per la prima volta – racconta la Tortora - mi concesse una parte nel musical “C’era na vot Saliern” da lui scritto e musicato da Guido Cataldo. Fu un colpo di fulmine. Mi ha trasmesso una grande ricchezza: non mi ha mai abituato ad essere protagonista, in questo lavoro bisogna essere umili. Da allora non ho mai desiderato fare altro. Sono cresciuta guardando le prove dei miei genitori che si prolungavano sempre fino a tardi…ma non mi sono mai addormentata, né annoiata. Ero curiosissima e già davo consigli. Ancora oggi ricordo copioni interi e le parti di tantissimi attori". Quanto alla messa in scena, singolare è il fatto che tra le due protagoniste ci sia un legame speciale. Nella vita reale Valentina Tortora e Federica Buonomo sono cugine, la prima è più grande della seconda di otto anni, ma da sempre hanno un rapporto simbiotico, proprio come fossero sorelle. In scena i ruoli s’invertono, la più piccola diventa la maggiore, Elsa, e la grande interpreta Anna, ma le affinità caratteriali sono tante. Elsa, gelida e anafettiva, è anche una giovane donna ligia al dovere e sempre composta, proprio come la Buonomo, Anna invece è più passionale, carnale e soprattutto pasticciona, esattamente come la Tortora.
La regia è di Antonello Ronga, le coreografie per il Professional Ballet di Pina Testa sono di Fortuna Capasso e Davide Raimondo; le scenografie della Bottega San Lazzaro e i costumi portano la firma di Paolo Vitale.

Info utili

Sempre tre le repliche gli spettacoli: 11, 17 e 19.15. Il prezzo del singolo biglietto è di 12 euro per il bambino, 14 per l’adulto. Per informazioni e prenotazioni: 089 221807; 333 4547051.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Salute

Moderna e Pfizer: ecco cosa cambia da lunedì

social

Dopo il "Zitt!" arriva la festa anche per Raffaele il Vikingo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento