Giovedì, 29 Luglio 2021
Eventi

Prosegue Salerno Letteratura: gli ospiti saranno Baricco, Guzzanti, Laurito

Seconda giornata di Salerno Letteratura, in programma in città fino al 26 giugno. Il pomeriggio di sabato 19 si apre (ore 18.30, chiesa dell'Addolorata) con incontri ed i finalisti del Premio Strega

Seconda giornata di Salerno Letteratura, in programma in città fino al 26 giugno. Il pomeriggio di sabato 19 si apre (ore 18.30, chiesa dell'Addolorata) con un incontro che vedrà protagonista Giovanna Pancheri, autrice di Rinascita americana (Sem) e Francesco Costa, autore di Una storia americana (Mondadori). Conduce Giorgio Zanchini. Vita, libertà, ricerca della felicità. Quanto i diritti individuati dai Padri Fondatori trovano spazio nell’America di oggi? Cosa ha lasciato Donald Trump in eredità a Joe Biden? In contemporanea, negli spazi della Corte interna del Convitto Nazionale, appuntamento con Maura Gancitano e Andrea Colamedici, autori di Prendila con filosofia (Harper Collins). Conduce Matteo Cavezzali.

 I dettagli

Filosofi e fondatori del progetto “Tlon”, Gancitano e Colamedici hanno portato la filosofia politica con un piglio innovativo sui social network, in televisione e nelle piazze. Alle 18.45, al Museo Diocesano, sarà la volta di Lidia Ravera, autrice di Avanti, parla (Bompiani). Conduce Paolo Di Paolo. La vita di Giovanna è ferma da quarant’anni, dagli errori fatti negli anni di piombo, che le pesano ancora sulla coscienza. Il suo silenzio si interrompe, inaspettatamente, con l’arrivo dei nuovi vicini di casa. Una prima persona asciutta e nervosa, un memoriale che è allo stesso tempo il ritratto di una donna che vive il tormento della maturità, quando tutto è finalmente chiaro. Ma – forse – si può iniziare di nuovo. Alle 19, al teatro del Convitto nazionale, incontro con Stefano De Bellis & Edgardo Fiorillo, autori di Il diritto dei lupi (Einaudi). Conduce Corrado De Rosa. 80 a.C. L’Urbe è una metropoli violenta, dove denaro, vizio e politica si intrecciano senza sosta. Avvolti nelle tenebre della Suburra, quattro sicari irrompono in un lupanare dove si sta svolgendo un festino. La strage si consuma in pochi minuti: tra i morti c’è un aspirante senatore. Alla stessa ora, nella Corte interna della Guardia di Finanza, ci saranno Luca Crovi e Peppo Bianchessi, autori di Il libro segreto di Jules Verne (Solferino). Con Francesco Cicale e Saremo Alberi Libroteca. Alle 19.15 al Duomo la prolusione inaugurale a cura del filologo Corrado Bologna sul tema L'inferno di Fellini, tra Dante e Kafka. Bologna torna a Salerno Letteratura con una prolusione incentrata sulla lunga fedeltà di Fellini nei confronti di Dante e in particolare della prima Cantica della Commedia.

La carrellata degli ospiti

Alle 19.45 a Largo Barbuti appuntamento con Marisa Laurito, autrice di Una vita scapricciata (Rizzoli). Conduce Antonio Fiore. Alla stessa ora, nella Corte interna del Convitto nazionale, Paolo Nori presenta Sanguina ancora, L'incredibile vita di Fedor M. Dostoevskij (Mondadori). Conduce Matteo Cavezzali. Alle 20.15, negli spazi della chiesa dell'Addolorata, incontro con Laura Pepe, autrice di La voce delle srene. I greci e l'arte della persuasione (Laterza) e Filippo Ceccarelli. Conduce Gennaro Carillo. Sempre alle 20.15, al Museo Diocesano, appuntamento con Sara Loffredi, autrice di Fronte di scavo (Einaudi) e Diodato Pirone, autore con Marco Bentivogli di Fabbrica futuro (Egea), entrambi della cinquina dei finalisti del Premio Letteratura d'Impresa. Partecipa Antonio Ferrioli, presidente Confindustria Salerno. Conduce Antonio Calabrò. Alle 20.45 nell'atrio del Duomo, Serata stregata con i cinque finalisti del Premio Strega 2021. Introduce Stefano Petrocchi, conducono Matteo Cavezzali e Paolo Di Paolo. Come ormai accade da molte edizioni, anche a Salerno Letteratura 2021 arrivano – grazie alla collaborazione con la Fondazione Bellonci – i cinque finalisti del più importante premio letterario italiano. A dialogare con il pubblico le scrittrici e gli scrittori che si contenderanno la vittoria l’8 luglio a Roma nel Ninfeo di Villa Giulia. Una occasione speciale per entrare in contatto con il “mondo stregato” della narrativa italiana, e con le proposte candidate al prestigioso riconoscimento letterario voluto da Maria e Goffredo Bellonci nel 1947. Alle 21 ai Barbuti, grande attesa per Sabina Guzzanti, autrice di 2119. La disfatta dei Sapiens (Harper Collins). Conduce Luca Crovi. Dopo i successi a teatro, al cinema, alla televisione, Sabina Guzzanti esordisce come narratrice. Lo fa con un romanzo che da un lato guarda alla grande letteratura distopica classica (da 1984 a Fahrenheit 451) e dall’altro affronta temi di straordinaria modernità, quali il mutamento climatico, la concentrazione della ricchezza, la dipendenza dalla tecnologia. Alle 21.30 all'Addolorata, ci sarà Giorgio Vallortigara, autore di Pensieri della mosca con la testa storta (Adelphi). Conduce Mario Ricciardi. Sesto titolo della meritoria collana adelphiana Animalia, il libro di Giorgio Vallortigara – neuroscienziato – sovverte il pregiudizio cartesiano e antropocentrico secondo il quale le funzioni cognitive (i ‘pensieri’) presuppongono sistemi nervosi grandi, ricchi di neuroni e complessi. Alle 22, nella Corte interna del Convitto nazionale, incontro con Emanuele Coccia, autore di Filosofia della casa (Einaudi). Conduce Gennaro Carillo. Tutto ciò che abbiamo vissuto, che stiamo vivendo, ci ha portato ancora più a contatto con lo spazio domestico, uno spazio che possiamo subire, temere, abbellire. Comunque sia, è uno spazio di vita. Per Emanuele Coccia, uno dei nuovi e più interessanti filosofi della scena europea, è uno spazio domestico in cui rientra il concetto di felicità. Alle 22 al Museo Diocesano, appuntamento con Paolo Romano, autore di Il Castello di carta. Guida letteraria di Salerno e della sua provincia (Marlin editore). Conduce Marcello Andria. Dalla A alla Z, 83 scrittori che in ogni epoca sono nati a Salerno, nei Comuni del territorio, vi hanno soggiornato o ne hanno scritto. Un viaggio nel tempo e nei luoghi, profili brevi e intensi come racconti, pagine in cui vita e scrittura si fondono in uno degli angoli del Sud più densi di trame. Altro grande appuntamento della seconda giornata del festival, quello in cartellone al Duomo alle 22.30 con Alessandro Baricco, autore di Quel che stavamo cercando (Feltrinelli). Conduce Paolo Di Paolo. È possibile provare a comprendere la Pandemia come una creatura mitica? Baricco allarga il campo della riflessione e guarda dentro lo choc da un altro punto di vista, per risalire alle scelte e ai movimenti che l’hanno generato e che ci definiscono come comunità. Ne viene fuori un insieme fitto di emozioni: paura e audacia, voglia di cambiamento e nostalgia per il passato. E una fitta serie di domande che riguardano le possibilità effettive di costruire o ricostruire il mondo. Con audacia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prosegue Salerno Letteratura: gli ospiti saranno Baricco, Guzzanti, Laurito

SalernoToday è in caricamento