Stefano Di Battista e Paco Sery al MoroinJazz

Stefano Di Battista e Paco Séry in uno strepitoso concerto, in esclusiva regionale venerdì17 gennaio nelle sale del Jazz Club Il Moro di Cava de’ Tirreni

Stefano Di Battista e Paco Séry in uno strepitoso concerto, in esclusiva regionale venerdì17 gennaio nelle sale del Jazz Club Il Moro di Cava de’ Tirreni. E’ un appuntamento imperdibile per gli amanti del jazz quello che vedrà sul palcoscenico del locale del Borgo Scacciavanti Stefano Di Battista, tra gli artisti di punta della scena italiana jazz, richiestissimo in tutto il mondo, Paco Sery, il talentuoso batterista africano definito il genio e talento assoluto della ritmica e non solo, accompagnati in formazione da Andrea Rea al pianoforte e Daniele Sorrentino al basso.

Il programma

Per l’appuntamento di MoroInJazz, la rassegna musicale jazz che si avvale della direzione artistica di Gaetano Lambiase, Stefano Di Battista, magistrale sassofonista romano, incontra Paco Sery definito dalla critica uno dei più grandi batteristi al mondo. Campione della musica fusion il batterista africano ha collaborato con Wayne Shorter, Dee Dee Bridgewater, Charlelie Couture, Manu Dibango, Jacques Higelin, Claude Nougaro, Dianne Reeves Mike Stern, Orchestre National de Barbès, ma Joe Zawinul (ex Weather Report) è la sua collaborazione più duratura e decisiva quella che lo ha fatto conoscere e amare dal grosso pubblico. Stefano Di Battista, tra gli artisti di punta della scena italiana jazz, è richiestissimo in tutto il mondo, ha collaborato con i più grandi musicisti del panorama jazz internazionale, tra i tanti Michel Petrucciani, Elvin Jones, Michael Brecker.

La scheda

Considerato fra i maggiori sassofonisti italiani, Stefano Di Battista nasce a Roma da una famiglia di musicisti ed inizia a studiare il sassofono all’età di 13 anni in una banda di un piccolo quartiere. Durante questo periodo fa due incontri decisivi, che lo indirizzano verso la sua vocazione: il jazz. Innamorandosi del suono “acidulo” di Art Pepper, incontra l’uomo che diventerà il suo mentore, il leggendario sassofonista Massimo Urbani. La sua strada è segnata. Si iscrive al Conservatorio e consegue il diploma con il massimo dei voti. Comincia così ad esibirsi con diversi gruppi e nel 1992 entra in contatto con Jean-Pierre Como, che lo invita a suonare a Parigi. Da quel momento in poi, Stefano fa la spola tra Roma e Parigi e viene assunto nell’ONJ, l’Orchestra Nazionale del Jazz. La sua carriera è ad una svolta. Pilastro dei vari gruppi di Aldo Romano, membro del sestetto di Michel Petrucciani, inizia a pensare alla realizzazione di un progetto con il suo nome. Nel 1997 esce il primo album, dal titolo “Volare”. L’anno dopo arriva il primo ingaggio per la storica Blue Note, con la quale inciderà il disco “A prima vista”. Nel luglio 2000 è protagonista della registrazione di un album magistrale, con lo storico batterista di John Coltrane, Elvin Jones, Jacky Terrasson al piano e Rosario Bonaccorso al contrabbasso. Oggi la sua attività è molto diversificata : passa con successo dal proprio quartetto al ruolo di accompagnatore della moglie Nicky Nicolai (con la quale partecipa a più di un Festival di Sanremo), a solista ospitato dall’orchestra di Ryan Truesdell ad arrangiatore e bandleader, che rievoca le celebri partiture di Gil Evans. Per info e prenotazioni concerti  tel. 089 4456352 | 340 3939561 -  333 4949026
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia all'Università di Fisciano: giovane precipita dal parcheggio multipiano e muore

  • I clan attivi in provincia di Salerno: nuova relazione dell'Antimafia

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Dramma a Cava, giovane precipita dal balcone e muore

  • Arancini, crocche e specialità siciliane: inaugurata "Mizzica" a Salerno

  • Paura a Battipaglia, rapinato un supermercato: donna ferita

Torna su
SalernoToday è in caricamento