Dalla terra dei fuochi alla terra dei fiori: nasce il progetto a Salerno

Un disastro che in parte può diventare risorsa. L’idea del progetto, promosso dal dottore Carmelo Perugia, è di sostituire le produzione delle culture alimentari in floreali e piante, Pensiamo ai i terreni abbandonati ma sani, pensiamo ai terreni con piccole percentuali di contaminazioni. Coltivandoli con piantagioni capaci di isolare le sostanze nocive (la canapa,ad esempio, è una pianta iper accumulatrice e cioè che riesce a chelare i metalli pesanti presenti nel terreno fissandoli nella propria radice e nella propriafoglia lasciando invece la fibra immune), dà luogo alla bonifica.

I dettagli

Se ne parlerà al Bar Victoria di Salerno, il 15 maggio, alle ore 22. Il processo di risanamento dei suoli avviene anche e se si possono sperimentare le bioremediation (un insieme di tecnologie di depurazione del suolo che utilizzano microorganismi naturali o ricombinanti per abbattere sostanze tossiche e pericolose attraverso processi aerobici (Forma di vita propria degli aerobi, nei quali il ricambio energetico della respirazione avviene in presenza di ossigeno allo stato elementare), e anaerobici (in biologia, la condizione di vita in ambiente privo di ossigeno libero propria dei microrganismi detti anaerobi ) tecniche che sono a costi accessibilissimi. Ma anche l’uso di piante legnose a crescita rapida, come per esempio pioppi (piante definite 'minatrici', queste sono ideali per neutralizzare la presenza di metalli pesanti, queste piante, in pieno spirito di economia circolare, diventeranno biomassa da impiegare nel ciclo dell'impianto produttivo), i salici, eucalipti, robinie, paulonie, ma anche quelle più tipicamente erbacee , miscanto, topinambur e la stessa canna comune. L’obiettivo, disinquinare un suolo contaminato, ripristinarne fertilità, produrre materiali utili per la filiera agro-energetica e della chimica verde. Nonostante l’uomo ce l’abbia messa tutta per distruggere ecosistemi e habitat naturali di diverse specie, la Natura, nei nostri confronti continua a mostrarsi benevola.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Salerno, mostra collettiva internazionale “Fragilità e distacco/70 Years Ruggero Maggi”

    • Gratis
    • dal 29 agosto al 28 novembre 2020
    • Spazio Ophen Virtual Art Gallery
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    SalernoToday è in caricamento