Tutto pronto per la XXVI edizione dell’Alburni Jazz & Blues Festival

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Torna l’appuntamento con l’evento di punta dell’estate serrese: l’Alburni Jazz & Blues Festival, giunto quest’anno alla sua XXVI edizione. Dall’8 all’11 agosto, in piazza E. D’Aniello, quattro serate all'insegna della grande musica che vedranno salire sul palco grandi nomi del panorama jazzistico italiano ed internazionale.

La kermesse, con la direzione artistica di Tommaso Scannapieco, è promossa dall'Amministrazione Comunale di Serre guidata dal Sindaco Franco Mennella. Il Festival si apre la sera dell’8 agosto alle ore 21:30 con l’“Academic Ensemble” diretto da Guglielmo Guglielmi, docente di musica d'insieme Jazz, e formato dagli studenti del Conservatorio “G. Martucci” di Salerno. L’organico darà vita ad un concerto dedicato ad alcuni tra i più importanti autori ed interpreti del jazz contemporaneo e della tradizione come G. Gershwin, Cole Porter, Dizzy Gillespie, Al Jarreu, TomCanning, H. Hancock, Wayne Shorter, Michael League (Snarky Puppy). La serata prosegue alle ore 22:30 con Nicky Nicolai e Stefano Di Battista Quartet in “Mille bolle blu”: il ritmo degli anni '60 tra canzoni di ieri e i ricordi di oggi.  L'incantevole e vibrante voce di Nicky Nicolai, accompagnata dall'estro di Stefano di Battista e il suo quartetto, in un concerto che traccia percorsi per rivivere le canzoni che hanno fatto la nostra storia. Una girandola di melodie per un cocktail da gustare a tutte le età. “Mille bolle blu” - nato da un’idea di Gino Castaldo - è un concerto spettacolo, un viaggio su spartiti che attraversano l’immaginario musicale degli anni ‘60 – ‘70.

La sera del 9 agosto alle ore 22:00 saliranno sul palco Roy Paci & Aretuska con il loro Valelapena Tour 2019. Dalla Sicilia prende le mosse uno dei progetti più solari ed esplosivi della scena musicale italiana: dall'antico nome di Siracusa (Aretusa) nascono gli Aretuska, una band dal repertorio strumentale composto da cover di gruppi storici della scena ska e rocksteady (Toots & The Maytals, Skatalites) affiancate ai più conosciuti standard jazz. Gospel, saul, blues e jazz è background di Joyce Yuille, artista di New York, ed entertainer di altissimo livello, che salirà sul palco la sera del 10 agosto alle ore 22:00. Per l’occasione la cantante sarà accompagnata dagli Hammond Groovers, un gruppo formato da tre tra i più richiesti e talentuosi musicisti sulla scena nazionale e non solo. Gli Hammond Groovers sono Daniele Cordisco alla chitarra, Antonio Caps all'organo hammond ed il talentuoso Elio Coppola alla batteria. La cantante statunitense presenta col suo gruppo un repertorio che spazia dal jazz al funk internazionale.

Gran finale la sera dell’11 agosto alle ore 22:00 con James Senese “Napoli Centrale”. Tutto quello che dalla fine degli anni Sessanta ad oggi è passato fra i vicoli di Napoli gli deve qualcosa. Nei cinquanta anni di carriera, passando per i seminali Showmen, i Napoli Centrale (tuttora la formazione che lo identifica), le collaborazioni con l’amico indimenticabile Pino Daniele, James Senese a 73 anni compiuti detta ancora la linea musicale per tutti quegli artisti che vogliono fare della coerenza e del bisogno espressivo i propri riferimenti. Nel disco la band eccezionale che è già da tanto il cuore di Napoli Centrale: Ernesto Vitolo alle tastiere, Gigi De Rienzo al basso, Agostino Marangolo alla batteria, sodali di altissimo livello, che sono, non a caso, la medesima band – senese compreso – che rese capolavoro un disco come “nero a metà” di Pino Daniele.

 “L’Amministrazione Comunale - dichiara l’assessore al Turismo e allo Spettacolo Antonio Luongo - anche quest’anno rinnova il proprio impegno nell'intento di fare sempre di più del jazz e della musica il motore di sviluppo e di crescita del nostro territorio. Per questo, ancora una volta, accanto al consueto appuntamento estivo, il jazz farà da cornice anche alle iniziative del Natale e, successivamente, nel mese di febbraio, alla festa dell'olio, nel proposito di destagionalizzare i flussi turistici e di valorizzare i pregiati prodotti locali”.  “L’Alburni jazz & blues Festival – dichiara il Sindaco di Serre Franco Mennella – è la manifestazione più longeva nel panorama jazzistico della Regione Campania e questo è motivo di grande orgoglio per tutti noi.  Il nome di Serre ha il privilegio di essere associato a quello di musicisti di grande calibro e prestigio che anche quest’anno avremo l’onore di ospitare. Sarà una edizione all'insegna della grande musica, un successo che si rinnova e che appartiene a tutta la nostra comunità”.

Torna su
SalernoToday è in caricamento