In alto i calici: "In Vino Civitas" sbarca alla stazione marittima di Salerno

Aziende vitivinicole, cantine e consorzi provenienti da tutt’Italia sono pronti a far assaggiare le loro migliori produzioni nel “salotto” bello e buono del vino italiano

Dopo la presentazione in anteprima a Milano nei locali di Spazio Campania, In Vino Civitas, il Salone del Vino di Salerno, l’evento organizzato e promosso dall’associazione culturale Createam, è pronto a sbarcare alla Stazione Marittima di Salerno. Dal 12 al 14 ottobre prossimi - sabato e domenica ore 15-22, lunedì ore 10-18,  aziende vitivinicole, cantine e consorzi provenienti da tutt’Italia sono pronti a far assaggiare le loro migliori produzioni nel “salotto” bello e buono del vino italiano, che qualcuno ha già definito la piccola Vinitaly. La Stazione Marittima, disegnata da Zaha Hadid, che si schiude come un’ostrica sul Fronte del Mare di Salerno, incastonata come una perla tra la Costiera amalfitana a nord e quella cilentana a sud (entrambe sono Patrimonio mondiale Unesco) è pronta a dare vita all’iniziativa che, fin dalla prima edizione, si pone l’obiettivo di coniugare la presentazione e degustazione del miglior vino italiano con la promozione del territorio.  

Info utili

Con un unico tagliando d’ingresso i visitatori possono accedere all’interno dell’area ed assaggiare i vini, ma anche i prodotti e le eccellenze del nostro territorio. L’iniziativa è realizzata con il patrocinio della Regione Campania, della Camera di Commercio di Salerno, dell’Autorità di Sistema del Mar Tirreno centrale, della Provincia e del Comune di Salerno, oltre che del patrocinio della sezioni salernitane di Confindustria, Cna, Coldiretti, Ais ed il Master in Wine Business dell’Università degli Studi di Salerno.

Il programma

L’inaugurazione è in programma alle ore 15 di sabato 12 ottobre. Il taglio del nastro sarà affidato al presidente della Camera di Commercio e di Confindustria Salerno, Andrea Prete. “In Vino Civitas offre un’ulteriore occasione di promozione della nostra città - ha detto il primo cittadino Enzo Napoli - in una splendida cornice come la Stazione Marittima di Salerno si attua un’operazione di marketing territoriale che coniuga il buon vino con l’esaltazione delle nostre eccellenze”. Per l’assessore Loffredo “In Vino Civitas è anche un prolungamento dell’estate e dell’offerta turistica che arriva dal comune capoluogo, con un’occasione ghiotta di gustare Salerno”. Anche la terza edizione si avvale della sinergia con l’Ais di Salerno che organizza una serie di incontri e degustazioni mirate. L’Associazione Sommelier di Salerno, presieduta da Nevio Toti propone una serie di appuntamenti e masterclass: una verticale di Montiano della cantina Falesco alla quale parteciperà un rappresentante della famiglia Cotarella, una masterclass Terredora e i territori del Taurasi edlaboratorio di abbinamento cibo – vino con due preparazioni degli Chef alle quali saranno abbinati Core Bianco e Core Rosso di Montevetrano, solo per ricordare i primi appuntamenti in calendario. Grazie alla disponibilità della Travelmar di Marcello Gambardella, anche quest’anno gli espositori verranno condotti in costiera amalfitana per far apprezzare le bellezze paesaggistiche e artistiche del nostro territorio. Con partenza dalla Stazione Marittima, domenica 13 ottobre alle ore 10, un traghetto condurrà, via mare, le aziende a Minori. Previsto un saluto del sindaco Andrea Reale e la visita al sito archeologico della Villa Romana risalente al I secolo d.C. In collaborazione con Cciaa, nell’ambito del progetto Pimed e RuralHack, lunedì 14 ottobre alle ore 10,30 si svolgerà l’incontro su “Vino 4.0 : la trasformazione digitale per la vitivinicoltura di qualità” a cura del professor Alex Giordano, Universita Federico II di Napoli e del giornalista enogastronomico Luciano Pignataro.”È la prima volta che un Salone del Vino apre le porte - ha rimarcato durante l’incontro Alex Giordano- all’innovazione in maniera costruttiva, offrendo la possibilità di presentare le esperienze in ambito nazionale, internazionale e locale che hanno saputo trovare il giusto equilibrio”.

La narrazione

Sarà un Salone anche narrato. Nella parte centrale della Stazione è allestito  un salottino interviste all’interno dell’evento –con arredi di eco design, realizzati in cartone, sponsorizzati da Formaperta  in cui esperti, testimonial, ospiti, espositori racconteranno esperienze, progetti, prodotti afferenti la filiera del vino. Le interviste sono a cura del professore Giuseppe Festa, direttore del Master in Wine Business dell’Università degli Studi di Salerno. Tra gli appuntamenti in programma la presentazione del programma di Benevento capitale europea del vino 2020, ed uno specifico spazio per le aziende associate a Confindustria Salerno. L’associazione degli Industriali di Salerno che celebra i suoi cento anni dalla Fondazione farà  alla presenza di un’ampia delegazione dei suoi iscritti, un Brindisi augurale al prestigioso traguardo. Un compleanno condiviso con la US Salerinitana 1919 che si è impegnata a far partecipare una delegazione di squadra e società per brindare ai 100 anni (sabato 12 ottobre). Come da tradizione il Salone del Vino si chiuderà con un brindisi di tutti i partecipanti alle 17.30 di lunedì 14 ottobre. Spazio naturalmente anche all’abbinamento con la cultura, grazie a Cna Salerno. Ispirati dal vino, dalla storia e dalla leggenda, i maestri ceramisti di Vietri sul Mare, associati alla Cna di Salerno hanno realizzato dei piatti di artigianato artistico che saranno esposti al piano superiore della Stazione Marittima.
La mostra, affidata alla direzione artistica di Franco Raimondi, sarà visitabile negli orari di apertura del Salone del Vino.

Il premio EccellenSA

E' una scultura in ceramica, realizzata dal maestro Lucio Ronca, anche il premio EccellenSA attribuito ad un’impresa vitinicola che si è distinta per best practice. La Cna di Salerno ha deciso di assegnare il riconoscimento a Vitematta, la cantina nata a Casal di Principe (CE) su due terreni confiscati alla camorra e che produce vino offrendo lavoro a ragazzi con disabilità psico-fisiche. L’azienda sarà anche ospite tra gli stand dell’iniziativa e potrà quindi, al pari delle altre aziende, presentare i suoi prodotti ai visitatori della manifestazione. Fin dalla prima edizione attraverso l’hashtag #bevosanoguidopiano la manifestazione si è fatta promotrice di un messaggio di sensibilizzazione verso l’uso consapevole del vino e la guida sicura. Con lo stesso scopo quest’anno sarà presente il Ser.D. di Salerno. L'intervento degli operatori del Dipartimento Dipendenze della ASL è orientato ad azioni di sensibilizzazione ed informazione sugli effetti dell'alcol sul cervello. Esperti saranno a disposizione per ogni chiarimento con simulazioni e distribuzione di materiale informativo per spiegare gli effetti delle droghe. Nel corso della tre giorni, è possibile, contribuire alle benefiche cause delle associazioni “Cieli d’Africa” e “Pueri Gaudium”, acquistando dei calici Bormioli Rocco, sponsor dell’evento.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma tra le due Nocera, giovane geometra si toglie la vita

  • Incidente mortale a Baronissi, il ragazzo che guidava interrogato dal gip: "Non ricordo nulla"

  • Via Pietro del Pezzo: rissa in pizzeria, intervengono i carabinieri

  • Eboli, sequestrata una macelleria: il proprietario tenta di aggredire i carabinieri

  • Delitto di Baronissi, l'imputato "cosciente ma con disturbi della personalità"

  • Allaccio abusivo alla rete Enel: arrestato il titolare de "Il Giardino degli Dei H24"

Torna su
SalernoToday è in caricamento