Coesione sociale e sostenibilità, evento digitale di Banca Campania Centro e Fondazione Symbola

“Vogliamo mostrare – hanno dichiarato gli organizzatori – che le prospettive di un’economia e di una società a misura d’uomo sono già in atto. Che l’Italia ha le energie, anche civili e morali, per essere protagonista di un cambiamento positivo, a partire dall’Europa, che trova oggi spazio”

Padre Enzo Fortunato

Banca Campania Centro e Symbola Fondazione per qualità italiane, hanno organizzato per domani 7 aprile, dalle ore 18,00, un evento online sul tema: “Manifesto di Assisi, esperienze di coesione sociale e sostenibilità. Le azioni per una nuova Italia”. Parteciperanno: Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; padre Enzo Fortunato, direttore Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi; Amedeo Manzo, presidente della Federazione Campana delle Banche di Credito Cooperativo; Mariateresa Imparato, presidente Legambiente Campania; Antonia Autuori, presidente Fondazione Comunità Salernitana; Fatiha Chakir, presidente Associazione Mondo a Colori e Camillo Catarozzo, presidente di Banca Campania Centro. Modereranno i giornalisti Giuseppe Alviggi e Franco Poeta.

Occupazione giovanile, laboratori gratuiti

Il Manifesto di Assisi

Il Manifesto di Assisi, promosso a fine 2019 da Fondazione Symbola, Coldiretti, Enel, Convento di Assisi e Novamont, ha avuto oltre 3700 firmatari, tra cui Banca Campania Centro, e da esso sono scaturite o vi hanno fatto riferimento centinaia di esperienze nel mondo della sostenibilità e della coesione sociale. Tra queste anche quelle nate all’indomani del progetto Banca delle Qualità Campane, voluto da Banca Campania Centro e dalla Federazione Campana delle Bcc, e realizzato proprio dalla Fondazione Symbola, che aveva individuato 50 eccellenze territoriali portando avanti un percorso di formazione e di rete che aveva proprio nella sostenibilità e nella coesione sociale numerosi punti di forza. Proprio dal mettere a fattor comune le tante esperienze nate sotto il segno del Manifesto di Assisi o che in esso si riconoscono, è nata la campagna “1000 azioni per una nuova Italia”, lanciata con una lettera di Realacci e padre Fortunato, a tutti i firmatari del Manifesto.

“Vogliamo mostrare – hanno dichiarato i due firmatari – che le prospettive di un’economia e di una società a misura d’uomo sono già in atto. Che l’Italia ha le energie, anche civili e morali, per essere protagonista di un cambiamento positivo, a partire dall’Europa, che trova oggi spazio”.

L’incontro online organizzato per mercoledì prossimo da Banca Campania Centro e Fondazione Symbola nasce proprio dalla volontà di fare da “collettore” delle tante iniziative positive che nei territori campani si stanno sviluppando in questo senso e fare in modo che entrino come “testimonianze” delle 1000 azioni, promosse dal Manifesto di Assisi, per una nuova Italia. “Come Banca Campania Centro – ha dichiarato il presidente Camillo Catarozzo – crediamo fortemente in un’economia che nella sostenibilità e nella coesione sociale trovi punti di forza e obiettivi. Da anni stiamo lavorando in queste logiche e la collaborazione con la Fondazione Symbola ne è la prova. In un momento così difficile come quello che stiamo vivendo a causa della pandemia, tutto ciò assume un valore ancora più concreto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attività scolastiche estive: in arrivo il piano del Ministero dell'Istruzione

  • Università di Salerno: il nuovo direttore generale è Flavio Moretti

  • Didattica ed esami a distanza fino al 20 aprile: l'avviso dell'Unisa

  • Scuola e Trasporti: il tavolo con il Prefetto, stabilite le fasce orarie di ingresso e uscita

  • “Ponte della Solidarietà Italia-Libano”: il III Circolo Didattico di Scafati protagonista del progetto

  • Due scuole campane vincitrici del progetto del Miur: la Voce della Radio

Torna su
SalernoToday è in caricamento