Master Matespack Unisa, Plastic Good: nuove assunzioni per lavoro e sviluppo

La professoressa Loredana Incarnato, direttore del master, ne ha illustrate le caratteristiche e i programmi che saranno riproposti, dopo il successo della prima, anche nella seconda edizione.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

 Si è conclusa la prima edizione del Master Matespack organizzato dal Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università degli Studi di Salerno. La cerimonia è iniziata con i saluti del rettore dell’Università di Salerno prof. Vincenzo Loia, del presidente PMI Confindustria Salerno, Gerardo Gambardella  e del prof. Roberto Pantani, direttore del Dipartimento di Ingegneria Industriale. Il consuntivo delle attività del Master Matespack 2019, è stato tracciato da Marco Gambardella, presidente ATIF e da Sante Conselvan, presidente FTA Europe, le associazioni italiana e europea dei tecnici flessografi. La professoressa Loredana Incarnato, direttore del master, ne ha illustrate le caratteristiche e i programmi che saranno riproposti, dopo il successo della prima, anche nella seconda edizione. In conclusione sono stati consegnati agli studenti i riconoscimenti per aver portato a termine con profitto il Master per le tecnologie del packaging cellulosico Matespack. Un settore strategico per l'industria del futuro nel rispetto dell'ambiente e della qualità dei prodotti. «È stato per me un piacere e un onore poter dare il mio contributo a un’iniziativa così importante – ha detto Marco Gambardella –. Una iniziativa che ha permesso a tanti giovani laureati del nostro territorio di perfezionare le proprie competenze nel settore del packaging, mettere in pratica quello che hanno imparato sui libri e, in alcuni casi, aver già trovato lavoro.» «La formazione – ha concluso il presidente Atif – è il motore per il rilancio del nostro Paese e per scongiurare la fuga dei cervelli dal Sud Italia.»

Torna su
SalernoToday è in caricamento