"Adotta un monumento": pioggia di premi per l'istituto omnicomprensivo di Padula

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Ancora una grande soddisfazione per il Liceo Scientifico "Carlo Pisacane" di Padula e per la secondaria di Primo Grado dell'Istituto Omnicomprensivo di Padula nell'ambito del progetto "Adotta un Monumento". I lavori realizzati nel corso dell'anno scolastico 2018/2019 sono stati premiati oggi a Napoli, nel Teatrino di Corte del Palazzo Reale, a Piazza Plebiscito alla presenza di moltissime scuole di ogni ordine e grado provenienti da tutta Italia.

Premiati con la medaglia d'argento gli alunni della 3B del Liceo Scientifico dello scorso anno scolastico per l'adozione del Battistero Paleocristiano di San Giovanni in Fonte, sotto la guida del docente referente prof. Vincenzo Maria Pinto.
Medaglia d'argento anche per le classi 3A e 3B della Secondaria di Primo Grado dello scorso anno scolastico per aver "adottato" la Chiesa e Convento di San Francesco a Padula guidati dalla docente referente prof.ssa Carmela Pessolano e dalla responsabile di plesso della Scuola Secondaria di Primo Grado Maria Antonietta Prisco.

Nel dettaglio i ragazzi hanno realizzato un video di 3 minuti sui monumenti che hanno scelto di "adottare" descrivendoli e mettendone in evidenza peculiarità e volontà di recupero. I lavori premiati saranno inseriti nell'Atlante Nazionale dei Monumenti consultabile on-line che viene periodicamente aggiornato anno per anno.

Già lo scorso anno venne premiato e inserito nell'Atlante Nazionale l'eremo di San Michele alle Grottelle grazie al lavoro degli studenti del "Pisacane". Da quest'anno Padula si arricchisce quindi con due nuove presenze.
Soddisfatta la dirigente scolastica dell'Istituto Omnicomprensivo di Padula, Liliana Ferzola, che ha garantito che l'impegno dei ragazzi continuerà ancora negli anni per la custodia e la tutela dei monumenti adottati

Torna su
SalernoToday è in caricamento