Covid-19 a Eboli e Pellezzano: i sindaci prorogano la chiusura delle scuole

Il Comune: "La tutela della salute di tutti i nostri concittadini, soprattutto dei più piccoli, resta la nostra priorità" fanno sapere dal Comune"

Dopo Castel San Giorgio, Roccapiemonte, Fisciano e Siano, un altro comune della provincia di Salerno ha deciso di prorogare la chiusura delle scuole, alla luce del forte aumento dei contagi da Covid-19. Questa mattina, infatti, il sindaco facente funzioni di Eboli Luca Sgroia, con un’apposita ordinanza, ha disposto  di prolungare - fino al 3 Dicembre 2020 - la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido e le scuole dell’infanzia. "Il provvedimento si rende necessario in relazione all’andamento della curva epidemiologica in città. La tutela della salute di tutti i nostri concittadini, soprattutto dei più piccoli, resta la nostra priorità" fanno sapere dal Comune.

L'altro comune 

Intanto, il Comune di Pellezzano ha assunto l’impegno di impiegare 30 mila euro, imputando questa cifra ad un apposito capitolo di spesa del bilancio corrente, per l’esecuzione della fornitura di 30 dispositivi di sanificazione attiva per le aule scolastiche e sensore di monitoraggio del livello di anidride carbonica. I lavori, secondo quanto stabilito dall’affidamento dell’incarico alla ditta “Miele Giuseppe & Figli s.p.a.” con sede in Atripalda dovranno concludersi nel termine di 30 giorni.  Il provvedimento emesso dall’Amministrazione Comune segue la valutazione posta in essere dai competenti organismi istituzionali per individuare le dotazioni più idonee per il miglioramento della qualità dell’aria negli ambienti scolastici, nonché per un continuo e costante monitoraggio della stessa. Un’azione, questa, resasi necessaria dalla diffusione del Covid-19, per rendere ancora più sicuro l’imminente inizio dell’anno scolastico.  In particolare, il Francesco Morra, con apposita ordinanza sindacale, ha disposto la sospensione delle attività didattiche in presenza delle scuole di ogni ordine e grado che insistono sul territorio comunale sino al prossimo 30 novembre, ossia per tutto il periodo di efficacia dell’Ordinanza del Ministro della Salute del 13 dicembre 2020, con eccezione per le attività destinate agli alunni con bisogni educativi speciali e/o con disabilità, le quali continueranno a svolgersi in presenza, previa valutazione dell’istituto scolastico

Il sindaco Morra:

“Nell’ambito di una politica di attenzione per le condizioni di vivibilità dei luoghi pubblici, ed in particolare degli ambienti scolastici – ha sottolineato il Primo Cittadino – la nostra Amministrazione, come già anticipato in precedenti provvedimenti, ha stanziato la cifra di 30mila euro per attivare quei dispositivi necessari a rendere sicuro l’ambiente scolastico. La tutela della salute di alunni e personale didattico è una priorità che va garantita ed è nostro specifico compito porre in essere le misure di prevenzione in tal senso. In questo contesto emergenziale la qualità dell’aria interna negli ambienti scolastici, ha un’importante influenza sulla salute, sulle prestazioni e sul benessere psicofisico dei lavoratori e degli studenti. Sul piano operativo, con l’applicazione degli specifici protocolli “anti-contagio” devono essere implementate e messe in atto nuove azioni organiche per rispondere alle esigenze di salvaguardia della salute del personale, degli studenti e della collettività che tengano conto delle misure essenziali di contenimento e contrasto alla diffusione dell’epidemia". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • McDonald's investe sui giovani dipendenti: la storia di Alessio, giovane architetto salernitano

  • Angri, un'importante realtà per il "Cambridge Preparation Center"

  • Conversione energetica: arriva una nuova scoperta firmata Unisa

  • Proroga dell'anno accademico 2019-2020: Fronte della Gioventù Comunista non ci sta

  • “Trovare lavoro ai tempi del Covid-19”: tutto pronto per i tre seminari per laureandi e laureati

  • Quali esigenze e quale futuro per la Mobilità da e verso Unisa: un questionario

Torna su
SalernoToday è in caricamento