"Genitori Salerno Sì DAD": "Che i dirigenti scolastici procedano con le lezioni a distanza"

Accorata, la nota deò Gruppo Fb "Genitori Salerno Sì DAD" che rivolge un appello alle istituzioni scolastiche del territorio

"Abbiamo assistito, in questi giorni, ad una incomprensibile esaltazione social determinata dalla pubblicazione dei due Decreti del Tar Campania che dispongono la ripresa dell’attività didattica in presenza. Abbiamo ascoltato slogan branditi a vessillo di una visione eternamente belligerante della vita. “La Campania è di nuovo in Europa” hanno affermato alcuni, mentre, al contrario, numerosi Paesi europei stanno ammettendo i propri errori e prolungando l’utilizzo della DAD.

“La scuola è a scuola” hanno gridato altri, dimentichi dell’esistenza di una pandemia e che nel nostro Paese la didattica a distanza ha consentito di non perdere un solo giorno di lezione. E così, molti si sono dilettati nel celare a se stessi che gli indici epidemici campani, assai migliori di quelli di analoghi territori italiani, siano, in verità, l’esito della principale decisione attuata dall’amministrazione regionale prima e diversamente da altre Regioni: la didattica a distanza.

Lo ha scritto il Gruppo Facebook "Genitori Salerno Sì DAD" che punta i riflettori sul "disagio tanto decantato di chi non riesce ad interpretare, accettare ed affrontare la realtà per quello che è. E’ il disagio di chi, per propria comodità o anche per genuina convinzione, non sopporta alcun sacrificio per tutelare la salute propria ed altrui. È il disagio di chi ritiene addirittura sacrificabile qualche vita pur di affermare principi ben facilmente e diversamente conseguibili con la sicurezza di tutti. Una condizione che si trasforma nel frequente e sprezzante invito all’educazione parentale, che resta comunque una soluzione praticabile benché non ideale, di quanti non possano o abbiano timore di frequentare oggi la scuola in presenza, con il chiaro intento dell’esclusione e dell’emarginazione degli altri, fragili o meno".

"A questo - continuano i genitori - si aggiunge l’accanimento di alcuni, ormai folcloristico, contro ogni atto del Governatore De Luca, che per costoro va contrastato a prescindere dal merito e dai contenuti. Ne è derivato, in tutta evidenza, un coacervo di animosità verso le altrui posizioni".

La nota del gruppo Facebook capitanato da Antonio Ilardi e Mary Buono :

L’Ordinanza n. 3/2021 della Regione Campania è largamente deludente perché, benché lo avessimo più volte richiesto e ne esistessero i presupposti giuridici e tecnici:

1. non concede la facoltà alle famiglie di scegliere tra DAD e presenza;

2. nulla dispone sul potenziamento delle connessioni tecnlogiche delle Scuole;

3. non amplia le categorie della fragilità per accedere alla DAD;

4. non estende la tutela ai familiari fragili, entro il secondo grado, non conviventi;

5. trasforma “l’obbligo” per le Scuole di concedere la DAD in condizioni di fragilità, disposto dalle precedenti Ordinanze, in “forte raccomandazione”, generando con ogni probabilità disparità territoriali e ulteriori responsabilità per i già oberati dirigenti scolastici.

Dalla Regione Campania ci aspettavamo più sensibilità e più ascolto. Continueremo a chiederlo, anche con queste righe, finché avremo voce. Nel frattempo, invitiamo chiunque voglia a chiedere ai Dirigenti Scolastici, comunque, la didattica a distanza anche senza alcuna condizione di fragilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allarme Covid nelle scuole, il gruppo “Genitori Salerno SÌ DAD” scrive a Draghi

  • “Trovare lavoro ai tempi del Covid-19”: tutto pronto per i tre seminari per laureandi e laureati

  • Il liceo Genoino di Cava ospita le Olimpiadi di matematica: 90 minuti di quesiti

  • Cava, passato e presente a confronto al liceo “Genoino”

  • "I Care": il corso per volontari della Croce Rossa organizzato dal Comitato Costa Amalfitana

  • Leadership and Digital Transformation: il master nato dalla collaborazione tra Unisa e Forze Armate

Torna su
SalernoToday è in caricamento