Giovedì, 29 Luglio 2021
Scuola Irno / Via Gelsi Rossi, 21-23

Dotazione organica degli educatori al "Convitto": una vittoria per la categoria

A spiegare la vicenda è l'avvocato Angela De Martino che ha seguito la vicenda di G.C. educatrice salernitana la quale si è opposta alla dotazione insufficiente di educatori prevista per il Convitto Nazionale Tasso di Salerno

Una piccola rivoluzione nel mondo della Scuola è partita da Salerno e riguarda l'annoso problema della dotazione organica insufficiente nelle strutture scolastiche italiane. In particolare la vicenda interessa il Convitto Nazionale Torquato Tasso di Salerno.

La vicenda

A spiegare la vicenda, è l'avvocato Angela De Martino che ha seguito la vicenda di G.C. educatrice salernitana scesa in campo contro la dotazione insufficiente di educatori prevista per il Convitto Nazionale Tasso di Salerno. Circa due anni fa, infatti, l'avvocato De Martino ha impugnato l'organico di diritto degli educatori. Il Ministero, infatti, attribuiva al convitto solo 5 educatori al posto di 10, numero ritenuto ampiamente insufficiente rispetto al numero di convittori e semiconvittori iscritti presso l'istituto.

Fatto il ricorso il Tar ha concesso una prima ordinanza cautelare favorevole a gennaio 2020 ed una seconda ordinanza favorevole ad aprile 2020, dando al ministero un termine x adempiere e nominare 5 nuovi educatori per il convitto. Il Ministero e l'Ambito Territoriale, però, non hanno adempiuto. Alle ordinanze è seguita una sentenza di accogliemnto del ricorso con la quale si ordina al Ministero ed all'Ambito Territoriale, di adempiere assegnando 5 nuovi posti di educatore al convitto a far data dall'anno scolastico 2019/2020, nominando, quindi, 5 nuovi educatori. 

"Il Ministero e l'Ambito, però, hanno continuato a non adempiere - ha spiegato l'avvocato De Martino - per cui siamo stati costretti a fare ricorso per ottemperanza per ottenere la esecuzione della sentenza. In tutto ciò il convitto è rimasto un altro anno senza i 5 nuovi educatori. Finalmente, però, abbiamo ottenuto la sentenza positiva dell'ottemperenza che obbliga l'amministrazione ad adempiere e a nominare 5 nuovi educatori dal 2019/2020. La sentenza è particolarmente significativa per le considerazioni espresse nei confronti di una amministrazione silente ed inerte da anni. Non solo il Ministero ma soprattutto l'Ambito Territoriale di Salerno sono sordi a qualsiasi istanza sia dei dirigenti scolastici sia dei docenti. La pronuncia, inoltre, stigmatizza il comportamento negligente, inadempiente e inerte dell'Amministrazione che continua a non adempiere nonostante 4 provvedimenti conformi e di condanna".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dotazione organica degli educatori al "Convitto": una vittoria per la categoria

SalernoToday è in caricamento