Liquigas, progetto per l’educazione alla salute ambientale e dell’uomo: ecco "1,2,3..Respira"

L'iniziativa ambientale è dedicata agli studenti delle scuole secondarie di primo grado e alle loro famiglie

L’Italia è al secondo posto per numero di cittadini altamente esposti agli agenti inquinanti: i livelli di smog registrati nelle città rappresentanola prima minaccia per la salute dell’uomo e misure di contrasto temporane e non contribuiscono efficacemente alla riduzione dello smog. È quindi urgente da un lato sviluppare maggior consapevolezza sulle cause delle emissioni inquinanti e dall’altro adottare soluzioni strutturali per migliorare la qualità dell’aria che respiriamo,al fine di promuovere condizioni di salute ottimali per le nuove generazioni.

1,2,3..RESPIRA


Con questa consapevolezza, Liquigas,società leader in Italia nella distribuzione di GPL e GNL, ha deciso di rinnovare ed espandere “1, 2, 3… RESPIRA!”, il progetto di educazione ambientale dedicato agli studenti delle scuole secondarie di primo grado e alle loro famiglie .Liquigas è infatti da sempre impegnata nella formazione sui temi legati alla qualità dell’aria proponendo il ricorso a fonti energetiche pulite già disponibili, come GPL e GNL. Grazie ad un percorso educativo interdisciplinare basato su strumenti interattivi, “1,2,3… RESPIRA!” si propone di coinvolgere attivamente non solo gli alunni, ma anche i genitori e gli insegnanti che potranno così prendere consapevolezza delle scelte energetiche che effettuano ogni giorno.

La seconda edizione

Per la seconda edizione, Liquigas ha rafforzato il proprio impegno rivolgendosi a tutto il territorio nazionale e a tutte le classi delle scuole medie, coinvolgendo fino ad ora oltre 40.000 studenti in più di 500 istituti in tutta Italia. L’edizione pilota del 2019aveva già riscontrato un’ampia partecipazione di studenti del Nord Italia, circa 25.000,con la presentazione di oltre 100 elaborati finali. Quest’anno, gli istituti in tutta la Penisola hanno riconosciuto da subito il valore aggiunto del progetto: dalla Pianura Padana, con 170 scuole aderenti, all’area del Lazio e della Campania, con 110 istituti partecipanti, alla Sicilia, dove 38 scuole hanno deciso di intraprendere questo percorso di consapevolezza.

“Le giovani generazioni hanno scosso l’opinione pubblica sui temi della sostenibilità, chiedendo azioni strutturali per contenere gli effetti delle attività dell’uomo sull’ambiente. Come azienda che ha questa sensibilità nella propria visione, abbiamo sentito l’urgenza di fornire uno strumento educativo che potesse accompagnare non solo gli studenti, ma anche gli insegnanti e le famiglie alla scoperta delle cause dell’inquinamento dell’aria e delle soluzioni per contrastarlo” sottolinea Andrea Arzà, Amministratore Delegato di Liquigas. “Si tratta di un impegno che sentiamo molto vicino ai nostri valori e alla nostra mission: garantire fonti di approvvigionamento energetico pulite alle aree non metanizzate del Paese”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il programma

“1,2,3… RESPIRA!” prevede sessioni di approfondimento all’interno degli insegnamenti di scienza e tecnologia. Alunni, insegnanti e genitori intraprenderanno insieme un percorso di apprendimento sui temi della sostenibilità ambientale, guidati da materiale didattico e da strumenti interattivi, come il sito 123respira.liquigas.it, appositamente pensati e predisposti da Liquigas. Alla fine del percorso, gli studenti saranno impegnati in un concorso di idee in cui presenteranno un elaborato sul tema “Energia e sostenibilità: si può scegliere, si deve scegliere…”, volto a documentare il lavoro svolto in maniera creativa e a fornire proposte concrete per la risoluzione delle problematiche affrontate. Questi progetti saranno poi valutati da una giuria di qualità, sulla base di criteri quali l’aderenza ai contenuti, i collegamenti interdisciplinari e l’impegno dimostrati. Il contest metterà in palio premi utili agli istituti coinvolti che potranno così migliorare la propria proposta formativa con dotazione tecnica e tecnologica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19 e Scuola: ecco quali attività possono ripartire in Campania, l'annuncio del sindaco di Pontecagnano

  • Un nuovo modello per la gestione dell'epidemia Covid-19 in Italia

  • Mensa scolastica: riprendono le attività a Castellabate, le informazioni e le agevolazioni

  • Unisa premia il merito per l'anno accademico 2019/2020

  • Scuola Pirro: il Tribunale libera i locali per gli alunni, banchi dismessi donati ai bimbi africani

  • Borsa di studio per studenti campani: frequenteranno uno dei 18 collegi dell'United World Colleges

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento