Venerdì, 24 Settembre 2021
Scuola

Conto alla rovescia per il ritorno tra i banchi: le nuove norme a scuola per scongiurare i contagi

La distanza tra i banchi dovrà essere di 1 metro, anche se tale indicazione si configura ora come una raccomandazione e non più come obbligo

Il 15 settembre suonerà la 1° campanella, in Campania: gli studenti di tutte le età, reduci della didattica a distanza dello scorso anno, torneranno tra i banchi. Fino al 31 dicembre, data che al momento segna il termine dello stato di emergenza, dunque, vigono le norme anti-Covid dell'ultimo decreto. In particolare, tutti gli alunni con più di sei anni dovranno indossare la mascherina, salvo durante le attività sportive con le dovute distanze di sicurezza. A proposito di distanze, quella tra i banchi dovrà essere di 1 metro, anche se tale indicazione si configura ora come una raccomandazione e non più come obbligo. Il personale scolastico, docente e non, nonchè gli studenti universitari dovranno essere vaccinati o, in alternativa, sottoporsi al tampone ed esibire un certificato di negatività al virus emersa nelle ultime 48 ore.

Le nuove misure

La temperatura non si misurerà più all'ingresso degli istituti, ma a casa: chi ha più 37.5° non dovrà recarsi a scuola. Nella nostra provincia, in vista dell’imminente avvio dell’anno scolastico 2021/2022, si mira a valutare l’opportunità di confermare o meno i contenuti del “documento operativo” redatto lo scorso anno, che prevedeva una differenziazione negli orari di ingresso/uscita dalle scuole per le zone “Salerno e Valle dell’Irno” e “Agro Nocerino-Sarnese” in due fasce orarie (ingresso ore 8,00 per le classi prime, seconde e terze; ore 9,00 per le classi quarte e quinte e, di conseguenza, differenziazione nelle uscite) e un orario unico di ingresso/uscita nelle restanti zone della provincia. Faranno eccezione i comuni di Baronissi e Mercato San Severino, per i quali, in considerazione delle esigenze rappresentate dai rispettivi sindaci, che non hanno evidenziato particolari criticità sotto il profilo della viabilità e dei volumi di traffico, e dai dirigenti scolastici, si è deciso di mantenere un orario unico di ingresso e uscita dalle scuole.

Mensa, sport e finestre

Le attività di educazione fisica potranno svolgersi al chiuso, nel rispetto delle distanze anti-contagio, così come anche le mense per le quali sono previsti turni differenziati per evitare eccessivi assembramenti. Le finestre, poi, dovranno essere spesso aperte per garantire il ricambio dell'aria. 

Ipotesi Dad

Circa la Dad, potrà essere predisposta per gli studenti che devono essere messi in isolamento preventivo in caso di focolai o nel caso in cui l'area dove si trova la scuola si trovi in zona arancione o rossa. In caso di persone positive, la quarantena, per i contatti stretti, è di 7 giorni dall’ultimo contatto con il caso se hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni, e si conclude con test molecolare o antigenico. Per i non vaccinati, o per coloro che hanno concluso il ciclo vaccinale da meno di 14 giorni, la durata della quarantena rimane di 10 giorni. Se il contatto stretto rifiuta il tampone, la quarantena è prolungata fino al 14° giorno dall’ultimo contatto con il caso, e la riammissione alla frequenza avverrà anche in assenza di molecolare o antigenico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conto alla rovescia per il ritorno tra i banchi: le nuove norme a scuola per scongiurare i contagi

SalernoToday è in caricamento