Recupero edilizio: efficienza e sicurezza verso la ripresa

È stato pubblicato il rapporto Oise curato da Legambiente e dai sindacati Filca, Fille e Fenea. Si parla di recupero edilizio e di quanto sia importante questo settore, da una parte per migliorare il patrimonio immobiliare italiano - sia in termini di sicurezza che di prestazione energetica - e dall'altra per creare occupazione verso la ripresa economica

Recuperare il patrimonio immobiliare italiano per renderlo più sicuro ed efficiente potrebbe essere la chiave di volta della ripresa economica. Questa è la maggiore evidenza dello studio che ogni anno viene curato da Legambiente in collaborazione coi sindacati Feneal, Fillea e Filca. Nel rapporto Oise è stato calcolato che dal 1998 in Italia si sono svolti ben 9 milioni di recuperi edili; inoltre, negli ultimi otto anni 2,5 milioni di interventi sono stati effettuati per migliorare l’efficienza energetica di immobili.

Se sul fronte cantieri i numeri sono più che positivi, lo sono molto meno per ciò che riguarda l’occupazione: negli anni presi in esame dall’Oise si sono persi 800.000 posti di lavoro. Proprio considerando questi importanti dati, l’associazione e i sindacati invitano le istituzioni a prenderne atto al fine di fare del recupero edilizio un’importante vettore di ripresa.

Puntare sulle ristrutturazioni delle case a Salerno (link per cercare case a Salerno), così come nelle altre città italiane, ma anche sul recupero sia in termini di sicurezza sismica e contro le catastrofi, sia in termini di miglioramento energetico, potrebbe significare la creazione di nuovi posti di lavoro, oltre che il non trascurabile perfezionamento del patrimonio immobiliare italiano.

Alla luce di queste considerazioni, nel rapporto si invoca l’intervento del Governo perché si crei un’occupazione ragionevole, qualificata e regolare. Alle amministrazioni si chiede di operare per la semplificazione degli interventi di recupero e delle burocrazie. Anche per l’efficienza energetica c’è molto da fare: i cittadini ne sono sempre più coscienti e consapevoli e, perciò, gli sgravi fiscali destinati a chi interviene sul proprio immobile andrebbero resi strutturali. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Travolto da un treno ad Angri: Tobia è morto, Agro a lutto

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente sulla Cilentana, muore anche la 17enne di Albanella

Torna su
SalernoToday è in caricamento