menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Museo virtuale

Museo virtuale

Trekking Urbano 2015: Salerno aderisce, presentato il programma

"Le tradizioni salernitane: dalla Scuola Medica Salernitana alla tavola del dottor Talarico": questo il tema della XII edizione presentata al Comune

"Le tradizioni salernitane: dalla Scuola Medica Salernitana alla tavola del dottor Talarico": questo il tema della XII edizione del Trekking Urbano che si terrà il 31 ottobre, a Salerno. Il filo conduttore della serata saranno le tradizioni culinarie: si ripercorreranno i luoghi legati alla memoria della Scuola e quelli descritti dal dottor Talarico nel suo prezioso libro. Il programma è stato illustrato questa mattina presso il Comune di Salerno. Nella Scuola Medica Salernitana, prima scuola di medicina di cui si abbia memoria, il cibo occupava un ruolo fondamentale nella cura del paziente. Grande era l’attenzione agli alimenti ed alle stagioni in cui era preferibile consumarli. Questa tradizione si ritrova nello straordinario manuale di cucina “Gastronomia Salernitana di ieri e di oggi, ossia l’arte di trar diletto dal buon cibo nostrano”, scritto dal dottor Talarico nella prima metà del XX secolo.

Attraversando i vicoletti del centro storico, dove ancora si sentono gli odori tipici della nostra cucina tradizionale, si andrà, dunque, alla ricerca delle antiche osterie, passando per la frescura della rosa, da Ciccio Caramato, delle cantine di cui le più famose erano Cacone e da Mariuccia a cucchiéra, quasi udendo le voci dei venditori ambulanti di generi alimentari. Dal Comune attraversando via Porta di Mare, si giungerà a largo San Pietro a corte e a Palazzo Fruscione, via Dogana Vecchia dove un tempo si trovava l’Osteria La Frescura della Rosa, e poi da piazza Largo Campo si giungerà in via Porta Catena che ospitava l’Osteria Ciprigno, e di lì a via Fusandola dove si trovava il Ristorante La Cascatella, spazzato via dall’alluvione del 1954. Nella vicina via Indipendenza avevano sede le cantine di Cacone (Maiorana), di Santella moglie del paralitico Aniello, di Mariuccia (la cucchiera). Tornando verso la Villa Comunale, in via Roma verrà ricordata l’elegante Birreria Welten, l’Aquila D’oro, il Regina Margherita, il ristorante Italia, e gli unici due ancora presenti: Caminetto e Santa Lucia. In via Mercanti, dunque, sosta al Museo Virtuale della Scuola Medica Salernitana per conoscere alcuni precetti del Regimen Sanitatis, e poi il gruppo si dirigerà verso via Duomo per giungere in Piazza Abate Conforti. Infine attraversando via Trotula de Ruggiero si arriverà al Quadriportico Santa Maria della Grazie, dove sarà possibile ascoltare altri antichi precetti sulla buona dieta e su come preservare la buona salute. Al quadriportico, l’Istituto Alberghiero offrirà, infine, assaggi di ricette tradizionali salernitane e ci sarà un’esposizione del Museo dei semi antichi. L'appuntamento con il trekking è fissato per il 31 ottobre, alle ore 19, davanti al Comune di Salerno.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento