menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Come attivare luce e gas a Salerno

Con l'avvento del mercato libero sono diverse le aziende alle quali possiamo rivolgerci per le forniture di luce e gas

Quando si cambia casa uno dei passi fondamentali riguarda l'allaccio alle utenze domestiche, in particolare luce e gas. Con l'avvento del mercato libero sono diverse le aziende alle quali possiamo rivolgerci per le forniture di luce e gas. Nella nostra città, oltre a SalernoEnergia, ci sono le nazionali Enel Luce e Gas, Eni Gas e Luce e tante altre. L'iter per l'attivazione, però, è sempre simile, vediamolo inisieme.

Comprare casa a Salerno

Luce

La richiesta di attivazione di solito si può fare online, via telefono o presentandosi ad uno sportello. Per l'attivazione, di solito, ci vogliono massimo 7 giorni lavorativi, superato questo termine,  se la colpa non è del cliente, si ha diritto ad un rimborso. Le riattivazioni, invece, hanno bisogno di tempi più brevi.

I documenti necessari

Per attivare la fornitura e chiudere il contratto occorrono:

  • carta d'identità in corso di validità dell'intestatario della fornitura;
  • recapiti - telefonici ed e-mail - per le comunicazioni;
  • il codice POD, corrispondente all’identificativo della bolletta
  • la potenza del contatore;
  • eventualmente il codice IBAN per l'addebito dei pagamenti direttamente sul conto corrente bancario.

I costi

I costi di attivazione variano in base al fornitore ma ci sono anche dei costi fissi:

  • un contributo fisso di 26,13 € per oneri amministrativi;
  • un contributo fisso di 23 €;
  • un deposito cauzionale o altra garanzia se richiesto dall'esercente;
  • l'imposta di bollo prevista dalla normativa fiscale (N.B.: possibili variazioni dei costi).

Gas

L'attivazione per la fornitura del gas è un po' più lunga: Dopo la richiesta, il fornitore ha 2 giorni lavorativi per inoltrare richiesta al distributore che, ricevuta e approvata la documentazione, dovrà procedere all'attivazione entro 10 giorni lavorativi. In questo periodo un tecnico abilitato dovrà venire a fare un sopralluogo per visionare l'impianto. Eventualmente non ci siano problemi, provvede at attivare il servizio. L’iter deve impegnare al massimo 12 giorni lavorativi. Anche in questo caso, ritardi imputabili al distributore, daranno luogo ad un rimborso.

I documenti necessari

  • Carta d’identità in corso di validità;
  • recapiti telefonici o email;
  • il codice PDR che identifica la fornitura, unico per ogni cliente

I costi

Per gli impianti di uso domestico, il fornitore addebita al cliente circa 40€, indipendentemente dall’esito dell’accertamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Auto e moto

Scadenza del bollo auto: novità e consigli dall'ACI Salerno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento