Spese veterinarie: come detrarle dalle tasse

Chi ha diritto alle detrazioni dalle tasse per le spese veterinarie, quali sono le spese e quali i massimali

Chiunque possegga un animale domestico potrà avere dei vantaggi in ambito fiscale. Dal 1 gennaio 2020 è possibile detrarre più spese sostenute per la cura degli animali da compagnia. L'importo massimo delle spese veterinarie su cui è applicabile la detrazione del 19% aumenta da 387,34 euro a 500,00, da cui va comunque sottratta la franchigia di 129,11 euro. Ad esempio, se per la cura del proprio animale domestico sono stati pagati costi per terapie o medicinali pari  a 1000 euro, beneficeranno della detrazione solo 500 euro, da cui va sottratta la franchigia di 129,11: l'ammontare su cui spetta la detrazione del 19% è dunque euro 370,89 e, quindi, la massima detrazione consentita ammonta a complessivi 70,47 euro.

Detrazione per le spese di cura degli animali domestici: i beneficiari 

La detrazione spetta solo per gli animali detenuti legalmente, a scopo di compagnia o per la pratica sportiva. Non spetta invece per gli animali destinati all’allevamento, alla riproduzione o al consumo alimentare né per quelli detenuti nell’esercizio di attività commerciali o agricole. Della detrazione può usufruirne solo chi ha sostenuto la spesa, anche se non risulta essere il proprietario dell’animale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Imposta comunale sulla pubblicità a Salerno

Cosa è detraibile per le spese di cura degli animali domestici?

  1. le prestazioni professionali del medico veterinario:
  2. medicinali;
  3. analisi di laboratorio;
  4. interventi presso cliniche veterinarie.
  5. Non sono detraibili integratori e mangimi speciali, anche se prescritti dal medico.

Quali documenti servono

I documenti che attestano le spese (prescrizioni e fatture o scontrini, anche elettronici o virtuali) non andranno buttati per poi essere esibiti in caso di accertamento da parte delle autorità competenti. Nel caso di acquisto di medicinali ad esempio, lo scontrino deve riportare: il codice fiscale del soggetto che ha sostenuto la spesa; natura, qualità e quantità dei medicinali acquistati. Gli integratori alimentari e i cibi speciali, invece, pur se prescritti, non sono detraibili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Superenalotto, la Dea bendata bacia Salerno: vinti 25mila euro

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: più smart working e nuova stretta sui ristoranti, possibile freno alle palestre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento