Centro territoriale permanente annesso alla scuola media statale “Monterisi”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Il Centro Territoriale Permanente, annesso alla Scuola Media Statale "Nicola Monterisi" di Salerno, celebra la Festa della donna con le detenute della Casa Circondariale di Fuorni.

Sabato 8 Marzo, grazie al protocollo di intesa nato tra la Dirigente scolastica della Scuola Media Statale "Nicola Monterisi" di Salerno, Tina Carrozzo, ed il Direttore della Casa Circondariale di Fuorni, Alfredo Stendardo, che ha dato vita ad una importante iniziativa finalizzata alla definizione di un percorso scolastico- laboratoriale a beneficio di 22 detenute, le porte della Casa Circondariale di Fuorni si apriranno per i figli delle donne incluse nel progetto di riabilitazione.

Il C.T.P. Monterisi collabora da anni con la Casa Circondariale di Fuorni, con un'offerta formativa che, oltre ad offrire la possibilità di conseguire il diploma di licenza media, ha avvicinato i detenuti al mondo scolastico attraverso corsi di alfabetizzazione, italiano per stranieri e, da quest'anno, oltre ad un corso di lingua inglese, è stato possibile istituire anche presso la sezione femminile un corso di Alfabetizzazione ed uno di Laboratorio Artistico.

Sabato mattina, il "Coro delle Donne Rondini", composto dalle detenute ammesse al percorso scolastico, si esibirà alla presenza dei figli delle coriste e di tutte le altre ospiti della casa circondariale. A dirigere il coro, la professoressa Patrizia Bruno, docente del corso di Alfabetizzazione, già ideatrice e maestro del "Coro Daltrocanto", che accompagnerà le detenute nell'esecuzione di una selezione di brani.

L'istituzione del "Coro delle Donne Rondini" si inserisce in un percorso di attività scolastiche che negli scorsi anni ha già portato alla formazione di un coro di detenuti della sezione maschile, e sottolinea i risultati positivi scaturiti dalla collaborazione tra la Scuola Monterisi e le Casa Circondariale.

Torna su
SalernoToday è in caricamento