rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Politica Agropoli

Polemica sul riconteggio delle schede elettorali: il sindaco Mutalipassi minaccia querele

Il primo cittadino di Agropoli replica a muso duro alle critiche del consigliere di minoranza Pesce

“Questa mattina ho dato mandato all'avvocato Domenicantonio D'Alessandro di valutare i presupposti di ogni possibile azione legale nei confronti di chi cerca di strumentalizzare i risultati della prima verifica disposta dal Tar Salerno, lanciando la notizia che il riconteggio delle schede scrutinate presso la sezione 21 decreti la mia sconfitta o peggio ancora insinuando che le incongruenze riscontrate siano in qualche modo a me imputabili”. Lo annuncia il sindaco di Agropoli Roberto Antonio Mutalipassi dopo le critiche del consigliere comunale di minoranza Raffaele Pesce in merito al riconteggio delle schede elettorali nella sezione 21 dove sarebbero state riscontrate delle irregolarità. 

Il duro commento del sindaco: 

 Sotto il primo profilo, fermo restando che sarà l'A.G. competente a valutare la correttezza del dato, segnalo che quanto emerso dalla verifica eseguita nella giornata di ieri non altera il risultato elettorale, atteso che lo scarto di voti a mio favore resterebbe comunque amplissimo. Sotto il secondo più importante profilo, tengo a precisare, anche a nome della coalizione che mi sostiene, di essere estraneo a qualsivoglia anomalia presente nelle schede elettorali in verifica, per cui ogni insinuazione di un mio coinvolgimento e/o collegamento con tali fatti sarà perseguita a norma di legge, costituendo un grave attentato alla mia immagine di politico e soprattutto di uomo. Per tale ragione, ho chiesto al mio legale di monitorare costantemente tutti gli sviluppi della vicenda, preannunciandogli che, nel caso in cui la Procura della Repubblica dovesse ravvisare nelle suddette irregolarità/incongruenze ipotesi di reato, è mia ferma intenzione costituirmi parte civile contro i responsabili. E ciò non soltanto a mia tutela, ma innanzitutto perché riconosco che il rispetto della volontà popolare costituisca un valore imprescindibile ed una condizione essenziale per la pacifica coesistenza dei cittadini e per l'affermazione della legalità”.    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polemica sul riconteggio delle schede elettorali: il sindaco Mutalipassi minaccia querele

SalernoToday è in caricamento