rotate-mobile
Politica

Bagni pubblici in disuso a Salerno, ecco le proposte dei consiglieri Cosentino e Sorrentino

La città ha numerosi presidi igienici pubblici situati lungo il suo perimetro, di competenza diretta del Comune, e in tutte le fermate della metropolitana, di competenza di Salerno Mobilità

Lo scorso 3 marzo la Commissione Urbanistica del Comune di Salerno, su indicazione del vice presidente Luca Sorrentino e del capogruppo consiliare dei Progressisti per Salerno Vittoria Cosentino, oltre che su sollecitazione di molti cittadini, ha affrontato il tema della migliore fruibilità dei bagni pubblici cittadini. La città com'è noto ha numerosi presidi igienici pubblici situati lungo il suo perimetro, di competenza diretta del Comune, e in tutte le fermate della metropolitana, di competenza di Salerno Mobilità, molti dei quali al momento chiusi per guasti e problemi di funzionamento, in particolare quello situato sul Lungomare Trieste.

L’intervento

I consiglieri Cosentino e Sorrentino spiegano: “E' di tutta evidenza che i bagni pubblici sicuramente non versano in una situazione adeguata ad una città turistica in espansione come Salerno, con costi di manutenzione e pulizia, affidata a Salerno Pulita, che sono molto elevati raffrontati ai servizi offerti”.Per questo hanno al Dirigente Serpico la richiesta di esaminare la problematica ed elaborare una proposta che valuti sia la possibilità di ripristinare e gestire in modo più razionale in proprio tali strutture, anche mediante l'apposizione di tornelli con ingresso a gettone, sia l'alternativa di affidare la gestione dei servizi igienici a privati mediante pubblica gara. “Infatti in tal modo - sottolineano - si avrebbe una gestione sicuramente più efficiente e razionale, offrendo altresì un servizio all'altezza di una città turistica come Salerno, anche mediante l’apposizione di apposita cartellonistica attualmente carente”.

Diversi componenti della Commissione hanno evidenziato come in altre realtà comunali i bagni pubblici gestiti in modo efficiente riescano a coprire non solo le spese di manutenzione ma addirittura creare un introito elevato per le casse comunali, offrendo nello stesso tempo un servizio di qualità alla cittadinanza e soprattutto ai turisti. Nel frattempo con l'approssimarsi delle vacanze pasquali e quindi dell'arrivo di numerosi turisti in città – propongono Cosentino e Sorrentino – “potremmo pensare di installare bagni chimici nei punti strategici della città, accessibili anche agli utenti con disabilità, per limitare ogni possibile disagio, cosi come avviene da anni al Porto Masuccio Salernitano”.

L'appello 

"Un servizio che è necessario ripristinare al più presto, per restituire decoro e dignità alla città oltre che garantire maggiore sicurezza, in quanto i bagni pubblici privi di qualsiasi controllo diventano spesso luogo di ricovero dei senza fissa dimora nonché luogo di attività sospette. La vicinanza di un'amministrazione ai bisogni dei cittadini si dimostra, soprattutto, dalla capacità di garantire i servizi primari: siamo a lavoro affinché si proceda celermente con gli interventi necessari per assicurare la funzionalità dei presidi igienici pubblici e limitare ogni possibile difficoltà alla cittadinanzaconcludono i due consiglieri comunali. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bagni pubblici in disuso a Salerno, ecco le proposte dei consiglieri Cosentino e Sorrentino

SalernoToday è in caricamento