Fiscalità di vantaggio al Sud, Piero De Luca: "Una misura storica"

De Luca: "Al Sud ci sarà la tassazione più competitiva d'Europa, dimezzando l'Ires per 6 anni alle nuove attività economiche, purché non delocalizzino il proprio stabilimento e assicurino i livelli occupazionali nei successivi 10 anni"

Questa mattina l'onorevole Piero De Luca, insieme al sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, al presidente della Provincia Michele Strianese ed al sindaco di Caserta, nonchè presidente Anci Campania Carlo Marino, ha presentato le novità della nuova Legge di Bilancio appena approvata in Senato. In particolare, De Luca si è soffermato sulla fiscalità di vantaggio per le aree ZES del Mezzogiorno.

I commenti

"Dopo l’approvazione definitiva in Senato,  nelle prossime ore, della nuova Legge di Bilancio, entrerà in vigore la norma sulla fiscalità di vantaggio per le aree ZES del Mezzogiorno - ha spiegato Piero De Luca - Ringrazio il Partito Democratico, il Governo e tutte le forze politiche che hanno sostenuto questa mia proposta rivoluzionaria. È una misura storica, che consentirà di aprire una nuova stagione di rilancio per il Mezzogiorno. Al Sud ci sarà la tassazione più competitiva d'Europa, dimezzando l'Ires per 6 anni alle nuove attività economiche, purché non delocalizzino il proprio stabilimento e assicurino i livelli occupazionali nei successivi 10 anni. Non più assistenza e sussidi ma investimenti e occupazione: questo è il nostro obiettivo e questa è la nostra visione del Mezzogiorno.  Ma non possiamo fermarci qui - ha incalzato - Perché la ripresa sia strutturale, dovremo rafforzare anche le infrastrutture, destinando risorse adeguate del Recovery Fund. E anche su questo stiamo dedicando grande attenzione. Sono davvero orgoglioso del lavoro portato avanti perché, come spesso ribadiamo, se non riparte il Sud non riparte il Paese.  Ora possiamo guardare con maggiore fiducia e speranza al futuro. Avanti, insieme" ha concluso.

Anche il presidente Strianese ha voluto commentare le novità: "Gli emendamenti approvati e proposti dall’On. Piero De Luca, riguardano il taglio dell’IRES (imposta sul reddito delle società) nelle aree ZES (zone economiche speciali) e, per gli Enti locali e le Regioni, la rinegoziazione dei “mutui MEF” per ridurre gli oneri finanziari sulle rate di ammortamento dei prestiti. Parliamo di misure di grande impatto per lo sviluppo economico e l’occupazione non solo nel nostro territorio, ma in tutto il Sud e di conseguenza in tutto il Paese" ha concluso.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • Curiosità, coppia del salernitano si ricongiunge da Maria De Filippi

  • Ritorno a scuola, De Luca firma la nuova ordinanza: ecco cosa prevede

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento