menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
De Luca

De Luca

Regione: De Luca fa il bilancio, "ultimatum" ai Rom che non si integrano

Tra le varie tematiche affrontate in conferenza stampa dal Governatore, ha suscitato molta attenzione quella sui campi Rom: "Se c'è gente che vuole continuare a vivere così, deve essere espulsa dal nostro territorio"

"Nel 2016 dobbiamo liberare la Campania dai campi rom: svuotarli". E' quanto ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nel corso della conferenza di fine anno. "Se ci sono famiglie che intendono integrarsi e rispettare i modi di vivere del nostro Paese apriamo le braccia, se ci sono bimbi che vogliono andare a scuola invece di dedicarsi all'accattonaggio, bene. Se c'è gente che vuole continuare a vivere così, deve essere espulsa dal nostro territorio- ha sottolineato- I campi vanno smantellati, il nostro progetto per l'ecovillaggio a Giugliano è rivolto a chi vuole rispettare le regole". L'ex sindaco di Salerno, poi, ha fornito un bilancio sui mesi di attività a Palazzo Santa Lucia, citando, in particolare, le novità sui trasporti e sui fondi europei: "Abbiamo immesso sul territorio un miliardo e 600 milioni di risorse vive. Non accadrà più che perderemo 3 miliardi". Circa il caso delle ecoballe: "In primavera partiranno i primi treni. L'operazione di rimozione durerà tre anni. E poi vanno individuati i siti per i 12 impianti di compostaggio e assorbiti i lavoratori dei consorzi di bacino. Il problema dei forestali li risolveremo con una legge ad hoc".  Sul fronte Sanità annuncia: "Entro tre mesi nomineremo i manager. Poi daremo attuazione alla rete territoriale e renderemo operativo l'ospedale del Mare". Infine, sul precariato: "Devono finire le sfilate e i cortei decennali per le strade di Napoli: facciamo un accordo quadro con il Governo, di assistenza sociale e chiudiamo questa storia”. "In questi sei mesi il bilancio della giunta regionale è straordinario, mi sono congratulato con me stesso - ha chiuso De Luca - siamo stati sommersi dalle emergenze, le abbiamo affrontate". Infine, ha presentato un opuscolo sulle cose fatte, riportando le 15 leggi approvate in quattro mesi, a una media di tre al mese.

Immediate le repliche dei suoi avversari politici. L'ex Governatore Stefano Caldoro su Twitter ha scritto: "Alla fine attuato il piano Caldoro. Il 31 dicembre si raggiungeranno gli obiettivi e si spenderanno tutti i fondi #europei. Peccato, persi 4 mesi". Mentre Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale punta il dito contro il piano sanità:  “De Luca abbandona la sanità salernitana. Dal piglio decisionista e peronista del governatore della Campania ci saremmo aspettati onestamente la riapertura degli ospedali di Agropoli e Scafati, il potenziamento di quelli di Cava de’Tirreni, Pagani, Mercato San Severino e Polla, e il rilancio definitivo di Nocera Inferiore e Battipaglia-Eboli, senza dimenticare il consolidamento del lavoro già avviato per Sarno, Oliveto Citra, Vallo della Lucania, Roccadaspide e Sapri, grazie alla sperequazione della differenza dei posti letto tra Napoli e Salerno, oltre uno ogni mille abitanti. Bisogna dare atto a Caldoro – aggiunge – che, su spinta del piano sanitario alternativo a quello Zuccatelli, presentato dalla Provincia di Salerno, su mia richiesta, e grazie al lavoro della dottoressa Sara Caropreso, la sanità salernitana è stata garantita, rilanciata e difesa per cinque anni. Ora attendiamo i sindaci del Pd che sbraitavano annunciando i tagli del centrodestra che non ci sono stati e che adesso tacciono di fronte allo scempio operato da De Luca”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento