Politica Centro / Piazza Giovanni Amendola

Bimbi uccisi in Siria, sit in di solidarietà di "Art.1-Democratici e Progressisti"

Il deputato Ragosta ha presentato una mozione: "Abbiamo impegnato il Governo: a favorire un immediato cessate il fuoco che preveda in particolare la cessazione dei bombardamenti indiscriminati"

Oggi pomeriggio in Piazza Amendola, sotto i portici della Prefettura di Salerno, Articolo Uno – Movimento Democratico e Progressista si è ritrovato per un momento di riflessione e solidarietà alle vittime innocenti ed i bambini uccisi dai raid con gas chimici in Siria. Sono decine i bambini uccisi dai bombardamenti con gas Sarin lanciati sulla popolazione inerme. Ad oggi sono almeno 100 le vittime e 557 i feriti. Una vera e propria strage di civili. ”Nemmeno Dio potrebbe posare gli occhi su tanto orrore. Ciò a cui abbiamo assistito nelle ultime ore – ha dichiarato l’assessore comunale alle politiche giovanili e all’innovazione Mariarita Giordano - non può passare inosservato. A questi bambini è stata rapita l’infanzia ed ora anche il futuro. Gli attacchi chimici sono banditi da ogni accordo internazionale e il nostro Paese non può macchiarsi di un “reato” grave come il silenzio. Per questo motivi ci raduneremo in silenzio per far sentire la nostra voce”.

Gli ha fatto ecco il portavoce del comitato promotore di Salerno Francesco Iandiorio: “Anche qui a Salerno sentiamo l’esigenza di manifestare la nostra solidarietà con le popolazioni colpite da attacchi inumani. Consapevoli della difficoltà del cambiamento e dell’importanza della nostra Carta Costituzionale, manifestiamo per sollevare le coscienze ed avvicinarle alla pace universale che dovrebbe essere il fine di ogni azione politica”.  Ieri, intanto, il gruppo parlamentare di Articolo Uno-Mdp alla Camera dei Deputati ha depositato una mozione sull'argomento, sottoscritta anche dal deputato salernitano, Michele Ragosta, che ha dichiarato: “Abbiamo impegnato il Governo: a favorire un immediato cessate il fuoco che preveda in particolare la cessazione dei bombardamenti indiscriminati che sempre più spesso prendono di mira obiettivi sensibili, quali, scuole, mercati, ospedali; ad assumere iniziative urgenti per l’apertura di corridoi umanitari dalla Siria, in particolare prevedendo misure straordinarie con riferimento ai minori, facendo sì che la Turchia apra immediatamente le frontiere per permettere il passaggio dei convogli umanitari; a promuovere con gli altri partner internazionali la ricostruzione delle aree liberate dalla presenza dello Stato Islamico in Siria e nella Federazione della Siria del Nord”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbi uccisi in Siria, sit in di solidarietà di "Art.1-Democratici e Progressisti"
SalernoToday è in caricamento