Cancellate "frecce" Salerno-Roma: Iannone (FdI) presenta interrogazione al Senato

Sparisce il treno delle 5.15, il primo utile risulta quello delle 5,50. Il senatore di Fratelli d'Italia: "Si mettono in estrema difficoltà tanti lavoratori perchè inconciliabile con la necessità di orari per l'inizio della giornata"

"Dal 16 novembre il sito delle Ferrovie dello stato ha cancellato la Freccia delle ore 5,15 usata dai pendolari salernitani per raggiungere Roma. Il primo treno utile risulta quello delle ore 5,50 che, tuttavia, mette in estrema difficoltà tanti lavoratori perchè inconciliabile con la necessità di orari per l'inizio della giornata". Lo denuncia il senatore salernitano e commissario regionale di Fratelli d'Italia, Antonio Iannone, con un post sulla sua pagina Facebook

L’interrogazione

Iannone è intenzionato a porre la questione all’attenzione del Governo. "Non risulta acquistabile, inoltre, il treno di rientro da Roma delle ore 16,35. Presenterò – annuncia - un'interrogazione al ministro De Micheli per chiedere spiegazioni circa questa decisione di Ferrovie dello Stato, che lede gravemente il diritto alla mobilità dei pendolari di Salerno già costretti a tanti sacrifici di vita per recarsi quotidianamente a lavoro nella Capitale. Purtroppo, ogni anno cercano di riservare a questi una cattiva sorpresa, ricordo che anche nello scorso inverno fu necessario sollevare la questione per salvare il primo collegamento mattutino” conclude Iannone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

  • Riapertura scuole in Campania, tamponi su docenti e alunni: De Luca firma l'ordinanza

Torna su
SalernoToday è in caricamento