rotate-mobile
Politica

Mara Carfagna prepara l'addio a Forza Italia: ecco i salernitani che potrebbero seguirla

Il ministro uscente per il Sud è molto "corteggiata" dai partiti centristi di Carlo Calenda, Giovanni Toti e Matteo Renzi

Mara Carfagna si prepara a lasciare Forza Italia. Dopo i ministri Renato Brunetta e Maria Stella Gelmini, anche la collega del Ministero per il Sud è pronta a fare le valige a seguito della decisione del suo partito di non votare la fiducia al Governo Draghi, dopo che il premier (già dimissionario per la crisi politica innescata precedentemente dal Movimento Cinque Stelle) ha deciso di sposare la mozione di Casini (voluta dal centrosinistra) e non quella presentata dal centrodestra. 

Il retroscena

La parlamentare salernitana - eletta per la prima volta nel 2006 alla Camera, diventata ministro alle pari opportunità nel 2008 e successivamente vice presidente della Camera e di nuovo ministro ma con Draghi (sempre in quota Fi) – dovrebbe annunciare il suo addio nelle prossime ore. E – secondo indiscrezioni romane – potrebbe aderire, insieme a Gelmini, al progetto centrista di Carlo Calenda che, se ci saranno le condizioni politiche, si alleerà con il centrosinistra oppure, in caso contrario, tenterà la corsa solitaria finanche nei colleghi uninominali. Carfagna, da tempo però, è “corteggiata” anche da Giovanni Toti e dalla sua “Italia al Centro” e dall’ex premier Matteo Renzi. 

I fedelissimi

L’ormai ex berlusconiana ancora non ha sciolto la riserva. Ma chi la seguirà nella sua nuova avventura politica? Due sono i fedelissimi salernitani: i deputati Gigi Casciello e Rossella Sessa che non hanno ancora preso ufficialmente posizione, mentre la collega Marzia Ferraioli ha già fatto sapere che resterà fedele al Cavaliere. Sarà interessante capire anche quanti tra i dirigenti ed amministratori salernitani forzisti decideranno di lasciare il partito insieme a lei.  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mara Carfagna prepara l'addio a Forza Italia: ecco i salernitani che potrebbero seguirla

SalernoToday è in caricamento