rotate-mobile
Politica

Carpedil Ipervigile Battipaglia, confermato il tecnico Luigi Salineri

Il presidente della compagine di basket femminile ha confermato il tecnico della promozione

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

 

Il presidente Angela Somma conferma Luigi Salineri alla guida della Carpedil Ipervigile Battipaglia anche per la prossima stagione che segnerà il ritorno in A2 per il roster della Piana del Sele
 
 
Comunicato stampa n. 64 stagione 2010 - 2011
 
 
Chiusa la stagione nel migliore dei modi, con la promozione conquistata nel concentramento di Senigallia e smaltiti i festeggiamenti del ‘PalaZauli’ per il salto di categoria, il coach della Carpedil Ipervigile Battipaglia Luigi Salineri torna a parlare. Fresco di riconferma sulla panchina delle biancorosse, che lo vedrà quindi alla guida tecnica della società del presidente Angela Somma anche nel campionato di A2, il tecnico di origini partenopee tiene a fare delle precisazioni.
“Innanzitutto lasciatemi dire che per me è stata una grande soddisfazione l’aver regalato alla città di Battipaglia l'evento di un derby storico con la Ciplast (l’altra compagine della cittadina della Piana del Sele che milita nel campionato di A2, ndr) – esordisce Salineri -. Questo è un regalo che mi sento di aver fatto insieme alle mie giocatrici grazie al lavoro ed all’impegno profusi sul campo. Nutro grande soddisfazione anche per la società e per il presidente, Angela Somma, che ha voluto fortemente questa promozione riuscendo a conquistarla con un merito particolare: quello di essere andata controcorrente, cambiando allenatore quando la squadra era prima in classifica ed affidandosi ad uno come il sottoscritto che è al di fuori dai giochi di potere che esistono nel mondo del basket. Preciso: l’apparato di potere cui mi riferisco è un po' il cancro del nostro movimento rappresentato da dirigenti, o meglio pseudo dirigenti che hanno maturato un po' di conoscenze nell'ambito del movimento femminile e che contattano questo e quel presidente di società segnalando e pontificando su allenatori e giocatrici, millantando così credito con il solo scopo di portare qualche piccolo vantaggio nelle proprie tasche e riuscendo poi alla fine soltanto a creare danni enormi nelle casse delle società. Tutto ciò a Battipaglia non è avvenuto grazie soltanto ad una persona. Il presidente Angela Somma, infatti, ha agito di testa sua puntando esclusivamente sul sottoscritto che tra l'altro aveva nei suoi confronti un piccolo debito d'onore. Due anni fa, ad accordo già raggiunto, non riuscii purtroppo a mantenere l'impegno di venire ad allenare la Carpedil Ipervigile Battipaglia per problemi personali”.
Chiariti gli aspetti societari, Luigi Salineri passa alla disamina tecnica della stagione: “A questo punto l’annata affrontata ed il risultato conseguito non stati di certo una passeggiata. A fronte di un organico decisamente competitivo, che io ho sempre stimato e ritenuto all'altezza del campionato da affrontare, una volta arrivato a Battipaglia non ho trovato una situazione semplice da gestire, sia dal punto di vista tecnico-tattico-psicologico e sia dal punto di vista della forma individuale. La squadra era sì prima in classifica ma grazie soprattutto ad un calendario estremamente favorevole dato che fino a quel momento le squadre più pericolose erano state affrontate in casa mentre in trasferta gli impegni erano stati piuttosto morbidi. Senza stravolgere nulla nell'immediato abbiamo cominciato a lavorare riuscendo a migliorare lì dove era necessario trovando, tra qualche naturale incomprensione, tanta disponibilità e soprattutto la possibilità di essere “sopportato” dal gruppo, con cui poi alla fine si è instaurato un rapporto di stima e rispetto. Fattori importanti, questi, che ci hanno permesso di arrivare lontano e vincere tutto ciò che c'era da vincere. Non dimentichiamoci che abbiamo trionfato anche in Coppa Italia e per noi non è stato un vantaggio. Sarò più preciso: vincendo la coppa abbiamo sì avuto conferma che la nostra fosse una forza reale. Poi, però, con la fine della regular season, chiusa da primi in classifica a quota 36, abbiamo avuto l'ulteriore responsabilità di dimostrare di essere realmente i più forti. Oggi, al di là di tutto, possiamo permetterci anche il lusso di considerarci una squadra già competitiva nella serie superiore. Senza dubbio saranno effettuati degli innesti per migliorare la qualità in qualche ruolo. Ma con il lavoro fatto e con quello che ancora dobbiamo fare riteniamo di poter fare in A2 un campionato più che dignitoso. Il progetto è ormai avviato ed abbiamo una base piuttosto solida. Ringrazio ancora una volta tutti coloro che mi hanno affiancato in questa splendida avventura e vi dò appuntamento al mese di agosto quando riprenderemo a lavorar sodo in vista della prossima stagione”
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carpedil Ipervigile Battipaglia, confermato il tecnico Luigi Salineri

SalernoToday è in caricamento