Cava, boom di adesioni alla campagna “compra italiano, compra locale" di FdI

Protagonisti sono stati i prodotti fatti in Italia e comprati nei negozi di vicinato, impacchettati con l’inedita carta da regalo che riporta il logo dell’iniziativa

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Curiosità e apprezzamento dei cittadini intorno al gazebo allestito questa sera da Fratelli d’Italia in corso Umberto I a Cava de’ Tirreni, dove volontari e dirigenti di Partito hanno impacchettato gli acquisti italiani in sostegno alle attività di vicinato. Protagonisti sono stati i prodotti fatti in Italia e comprati nei negozi di vicinato, impacchettati con l’inedita carta da regalo che riporta il logo dell’iniziativa. Il Partito di Giorgia Meloni ancora una volta ha sostenuto tutte quelle attività che, a causa dell’emergenza Covid e dei provvedimenti del Governo, soffrono una crisi economica ingiusta. L’occasione ha permesso ai volontari e agli eletti di FdI di confrontarsi sulle proposte avanzate a tutela del Made in Italy, delle aziende italiane e del piccolo commercio ma anche relative al decreto ristori e a tutte le misure per affrontare le conseguenze economiche della pandemia. Al gazebo di corso Umberto I erano presenti, tra gli altri, il senatore Antonio Iannone, il commissario provinciale Giuseppe Fabbricatore, il consigliere comunale Italo Cirielli, il portavoce cittadino Fabio Siani, i dirigenti Enzo Morriello e Imma Vietri e i ragazzi di Gioventù Nazionale. «Per noi – hanno affermato i dirigenti di Fratelli d’Italia – non ci sono solo codici Ateco ma dietro ogni negozio, partita IVA e impresa c’è un italiano che lavora e merita aiuti concreti. Per questo, soprattutto nel periodo natalizio, abbiamo voluto fare ed invitare ad un piccolo gesto che, unito a quello di tanti, può dare respiro a molti lavoratori in un momento così difficile valorizzando, al contempo, le nostre tradizioni ed identità».

Torna su
SalernoToday è in caricamento