menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiusura uffici postali nel Cilento, i sindaci non ci stanno

Il consiglio intercomunale riunitosi a Gioi ha emesso una delibera, inviata tra gli altri a Poste Italiane, per scongiurare la chiusura degli uffici. Andrea Salati: "Siamo pronti a tutto"

Una delibera intercomunale per scongiurare la chiusura di numerosi uffici postali nei piccoli comuni del Cilento e del vallo di Diano. Il provvedimento, votato all'unanimità nel corso del consiglio intercomunale che ha avuto luogo a Gioi Cilento lo scorso 20 luglio, è stato inviato all’amministrazione di Poste Italiane, ai parlamentari del territorio, all’ANCI, al presidente della regione Stefano Caldoro, ai consiglieri regionali del territorio, al prefetto di Salerno Gerarda Maria Pantalone, al presidente della provincia di Salerno Edmondo Cirielli, al presidente del Parco Nazionale e al presidente della Comunità del Parco.

“In particolare la delibera è stata adottata – spiega il primo cittadino di Gioi Andrea Salati, che si è reso promotore dell’iniziativa – per contrastare il provvedimento di riorganizzazione diffuso da Poste Italiane e che impone la chiusura di 46 uffici postali. Tale decisione si ripercuote pesantemente sui Comuni perché il venir meno dei servizi, storicamente garantiti, condanna alla marginalità proprio i cittadini di quei territori che hanno più bisogno di una presenza degli stessi”.

Nella delibera, così come approvata, si propone di “esprimere vibrata protesta nei confronti di Poste Italiane per la chiusura degli uffici postali; di fissare un appuntamento con il manager di Poste Italiane in cui una delegazione composta da sindaci, politici, sindacalisti e semplici cittadini possano manifestare il proprio dissenso e chiedere di soprassedere nella decisione di chiusura; di costituire un Comitato Permanente che vigili sulla chiusura o il depauperamento dei servizi a danno del territorio e dei suoi abitanti; di mettere in atto qualsiasi forma di protesta, anche eclatante e visibile, nei confronti di Poste Italiane”. Ora il prossimo passo spetta a Poste Italiane.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento