menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni 2016, Cammarota sfida il centrodestra: "Facciamo subito le primarie"

Il consigliere comunale lancia un ultimatum alle forze politiche di opposizione mettendo nero su bianco le possibile regolae che potrebbero dar vita nel giro di dieci giorni alle primarie di coalizione

In vista delle elezioni comunali di giugno il consigliere comunale indipendente Antonio Cammarota lancia la sfida alle forze politiche di centrodestra per scegliere il candidato sindaco unitario della coalizione: “Il fallimento annunciato delle scelte di palazzo dei notabili del centrodestra salernitano è sotto gli occhi di tutti, con l’incapacità progettuale che produce l’incapacità di un candidato credibile, e viceversa. Ma il centrodestra è popolo, non potere, tanto meno un potere che non c’è più”. Di qui la proposta concreta: “Per salvare ancora il vero centrodestra della gente e la politica come partecipazione e servizio si facciano le primarie, perché il candidato sindaco provenga dal cuore e dalla mente della città e non dai tavoli del nulla lontani dalla capacità di visione, o dai palazzi romani lontani dai problemi della nostra terra”. 

Per Cammarota, dunque, bisogna convocare le primarie:  “Si facciano subito con poche efficaci regole: un comitato di controllo costituito – e pagato con moneta dei candidati – dai direttori degli organi di informazione che lo vorranno, garanzia di imparzialità e motore di consenso;  chi non le vince si candida al consiglio comunale, chi le vince e non diventa sindaco rinuncia al seggio di consigliere;  le primarie saranno itineranti e termineranno quando avranno votato diecimila cittadini salernitani, qualunque sia il tempo necessario, così favorendo la partecipazione, il confronto, e la politica strada per strada, tra la gente, sui problemi veri”. Una sfida, quella di Cammarota, cha ha il sapore di un vero e proprio ultimatum: “Chi ha paura della regola del consenso? Si decida entro 10 giorni, in mancanza ognuno sarà libero nelle scelte, legittimate soltanto dal voto popolare, per costruire il partito dei salernitani”.

Ora, dunque, non resta che attendere la risposta di Forza Italia, Noi con Salvini, Nuovo Psi e Rivoluzione Cristiana, che continuano a sponsorizzare la candidatura del giovane Gaetano Amatruda, ma anche di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, che da settimane ha chiesto la disponibilità a scendere in campo ad Antonio Iannone, e di Roberto Celano dell'associazione Attiva Salerno.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento