menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Comune di Agropoli

Il Comune di Agropoli

Rapporti Comune di Agropoli-clan, interrogazione di Cirielli: l'ira di Coppola

Esplode la polemica politica dopo la richiesta di una verifica all'interno dell'amministrazione targata Pd da parte del deputato di Fratelli d'Italia. Assist da Caldoro, dura replica del sindaco

Fare luce sui presunti rapporti tra la criminalità organizzata e il Comune di Agropoli. E’ quanto chiede, attraverso un’interrogazione al ministro dell’Interno Marco Minniti, il deputato di Fratelli d’Italia Edmondo Cirielli, che attacca a muso duro il Partito Democratico: “In Campania il Pd ha ammainato la bandiera della legalità consentendo un pericoloso intreccio tra camorra e politica che sta inquinando le istituzioni”. Nel mirino finisce, come detto, il Comune di Agropoli. L’esponente della destra chiede che venga effettuata una “verifica” per “accertare il livello di condizionamento da parte della criminalità organizzata nella gestione della cosa pubblica”.

La denuncia

L’interrogazione cita esempi riguardanti anche vicende su cui sta indagando la magistratura. “Nel Comune di Agropoli, in provincia di Salerno, guidato fino al 2017 da Franco Alfieri, oggi capo della segreteria politica del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, emerge uno spaccato inquietante e allo stesso tempo clamoroso nella gestione della pubblica amministrazione” premette il deputato, che poi spiega: “Emblematica è la vicenda, rimbalzata nelle settimane scorse, del mancato utilizzo per finalità sociali da parte del Comune di Agropoli, negli anni della gestione Alfieri, di tre appartamenti e due locali confiscati ad esponenti del clan Marotta. Al di là dell'inadempienza amministrativa, costata ad Alfieri una condanna della Corte dei Conti di 40mila euro, oltre un processo per omissioni atti d'ufficio, l'episodio fotografa una innegabile commistione da parte del clan Marotta nell'attività dell'amministrazione comunale”. Di qui la decisione di rivolgersi direttamente al Governo: “Con la mia interrogazione chiedo al ministro Minniti di valutare da un lato l'opportunità di predisporre una ispezione nel Comune di Agropoli per accertare eventuali condizionamenti della camorra, dall'altro di accertare la legittimità dell'incarico, sia di capo della segreteria politica del presidente della Regione che di consigliere delegato per l'Agricoltura, conferito ad Alfieri, proprio in ragione dei suoi precedenti comportamenti poco chiari rispetto alla criminalità organizzata. Alla luce di un sistema malato che condiziona la vita democratica nelle Istituzioni ho consegnato al presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi una lettera chiedendo un verifica sul caso Agropoli, senza escludere una nuova interrogazione finalizzata all’invio della commissione d’accesso nel Comune” conclude Cirielli. 

Le reazioni

A fare da sponda all’esponente di Fratelli d’Italia ci pensa il leader del centrodestra alla Regione Stefano Caldoro: “Ha ragione Cirielli, su Agropoli fatti inquietanti, il Pd e la Giunta regionale in colpevole silenzio. Il sospetto di rapporti fra alcuni ambienti politici e la criminalità va accertato con severità e urgenza”.

Di tutt’altra opinione è l’erede di Alfieri al Comune, ossia l’attuale sindaco Adamo Coppola: “Le parole di Cirielli sono altamente offensive non soltanto per la precedente e l’attuale amministrazione comunale, ma per l’intera città di Agropoli. Forse Cirielli ha perso il senno – tuona – non trovo altra spiegazione a delle parole così infamanti per l’intera città. Faccio fatica a commentare certe affermazioni che dimostrano la totale assenza di conoscenza del territorio. Per fortuna ad Agropoli non ci sono forme di criminalità organizzata, soltanto una microdelinquenza che grazie all’aiuto delle forze dell’ordine stiamo tentando di arginare, ma pensare che vi siano dei legami tra chi amministra e gruppi criminali è assurdo, fantasioso oltreché offensivo. apisco che l’on. Cirielli è già in pieno clima di campagna elettorale ma non è certamente in questo modo che potrà recuperare consensi su un territorio che la sua parte politica ha dimenticato, se non danneggiato e che ora trova nel Pd ed in Franco Alfieri un personaggio politico di spicco cui affida le speranze di rilancio. Non resteremo inermi di fronti a simili accuse e siamo pronti a difendere in ogni sede non solo chi ha amministrato Agropoli – conclude Coppola – ma l’intera cittadinanza offesa da simili affermazioni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

social

Dopo il "Zitt!" arriva la festa anche per Raffaele il Vikingo

social

Salerno: apre "Osteria di Pescheria", "Pizzicorio" diventa anche bar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento