rotate-mobile
Politica Agropoli

Agropoli, al via la riorganizzazione della macchina amministrativa comunale

Il sindaco: "Le modifiche alla struttura organizzativa con la rotazione degli incarichi per quanto concerne i funzionari apicali hanno l’obiettivo di rendere più efficace ed efficiente la gestione della macchina amministrativa da parte dei diversi uffici"

Al via la rotazione degli incarichi e la riduzione delle aree organizzative, ad Agropoli: il sindaco Roberto Mutalipassi riorganizza la macchina amministrativa comunale, ridistribuendo i servizi. Con deliberazione di giunta municipale è stata approvata la nuova struttura con i relativi settori: il primo cittadino ha provveduto con apposito decreto alla nomina dei funzionari. Le aree organizzative del Comune di Agropoli passano dalle precedenti 11 alle attuali 8, al fine di garantire una più puntuale ed adeguata gestione amministrativa, secondo il principio della flessibilità organizzativa e della rotazione tra aree. 

Queste le rimodulazioni e il relativo responsabile: 

AREA 1 Turismo, eventi, cultura, affari generali, informatica, supporto  segreteria ed organi istituzionali,  entrate tributarie ed extratributarie a Giuseppe Capozzolo;
AREA 2  Personale, contenzioso, giudice di pace e sport a Giuseppe La Porta;
AREA 3  Servizi demografici e statistici a Giuseppe Salurso;
AREA 4 Servizi finanziari e programmazione, economato, contabilità economica, pubblica istruzione, servizi sociali a Valeriano Giffoni;
AREA 5  Ambiente, patrimonio e trasporto pubblico ad Agostino Sica;
AREA 6  Governo del territorio, progetti strategici e PNRR a Gaetano Cerminara;
AREA 7  Lavori pubblici e manutenzione a Sergio Lauriana;
AREA 8 Vigilanza e polizia locale, porto e demanio marittimo, commercio, attività produttive e SUAP ad Antonio Rinaldi.  

Parla il sindaco

"Le modifiche alla struttura organizzativa con la rotazione degli incarichi per quanto concerne i funzionari apicali hanno l’obiettivo di rendere più efficace ed efficiente la gestione della macchina amministrativa da parte dei diversi uffici. La riduzione delle aree da 11 a 8 e una ridistribuzione dei settori per area seguono invece il criterio dell’uniformità oltre che l’attinenza rispetto alle competenze e capacità dei funzionari.

Sono convinto che con tali scelte si possa ambire a quel cambio di passo tanto auspicato e il nostro Ente possa lanciarsi verso le sfide che ci attendono nel prossimo futuro".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agropoli, al via la riorganizzazione della macchina amministrativa comunale

SalernoToday è in caricamento