Comune di Salerno, Gallo scrive al sindaco: "Cittadinanza onoraria a Liliana Segre"

La proposta arriva a pochi giorni dalle polemiche sulla nascita della commissione speciale sui fenomeni di intolleranza e razzismo, antisemitismo e istigazione all'odio e alla violenza promossa dalla senatrice a vita. Favorevole anche Zitarosa (Lega)

Liliana Segre

Il consigliere comunale Leonardo Gallo ha inviato una lettera al sindaco di Salerno Vincenzo Napoli per conferire a Liliana Segre la cittadinanza onoraria della città. La proposta arriva a pochi giorni dalle polemiche sulla nascita della commissione speciale sui fenomeni di intolleranza e razzismo, antisemitismo e istigazione all'odio e alla violenza promossa proprio dalla senatrice a vita. Pieno appoggio all’iniziativa di Gallo è arrivato, attraverso una telefonata, dal capogruppo della Lega Giuseppe Zitarosa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La lettera di Gallo:

L’anno in corso cade a 75 anni di distanza da quando Salerno fu scelta quale sede del Governo del Regno d’Italia e che vide la nostra città Casa degli italiani dall’11 febbraio 1944 al successivo 15 luglio. Quella era un’Italia in ginocchio, ferita a morte da una sanguinosa guerra e che stava vivendo le recrudescenze della epocale contesa trasformatasi di fatto in una guerra civile non dichiarata. Nel bellissimo Salone dei Marmi del nostro Palazzo di Città i governi Badoglio e Bonomo muovevano i primi passi verso la costruzione della nuova Italia così come la conosciamo oggi.Le manifestazioni anche concrete di intolleranza che viviamo in questi mesi rappresentano segni inequivoci di un preoccupante assopimento della ragione che stanno inquinando la società, dimentica degli orrori patiti da milioni di nostri concittadini in un’epoca apparentemente lontana.Quanto accaduto a una delle ultime testimoni di quella tragica pagina della storia dell’umanità, la Sen. Liliana Segre, deve muovere ciascuno di noi a riflessioni ben più accurate e a gesti, anche simbolici, concreti. Salerno, città aperta e solidale, che senza falsa retorica ha sempre testimoniato tolleranza e spirito di accoglienza, nella seduta del Suo più alto consesso democratico e istituzionale tenutasi lo scorso 11 novembre 2019, ha espresso unanimemente il proprio sentimento di vicinanza e solidarietà alla Senatrice Segre e lo ha fatto con convinzione e senza infingimenti.Segno ulteriore e concreto di quanto la nostra Città senta viva l’importanza di tenere alta la guardia sui gravi fenomeni sociali ai quali stiamo assistendo, non più sporadici né di scarsa valenza emulativa, e che addirittura possono tramutarsi in patologie non più facilmente sanabili, potrà essere quello di conferire a Liliana Segre la Cittadinanza Onoraria della Città di Salerno in quel medesimo Salone che ha visto rinascere la speranza della pace.Certo della Sua sensibilità e adesione, saluto deferente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Sorpresa nel Cilento, avvistato lo yacht "T.M Blue One” di Valentino

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Covid-19: in aumento i positivi in Campania, 23 nuovi contagi

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, oggi 2 positivi ad Eboli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento