rotate-mobile
Politica

Comune, Amatruda rivela: "Non fanno entrare Napoli nella stanza che fu di De Luca"

Il vice segretario provinciale di Forza Italia attacca a muso duro: "Continua a lavorare in un ufficio che è, da sempre, utilizzato per alcuni dirigenti del gabinetto. Non capita in nessuna parte del Paese"

Sembra che a Vincenzo Napoli non “concesso” di occupare la stanza che, negli ultimi anni, il suo predecessore Vincenzo De Luca utilizzava per svolgere il suo ruolo di sindaco. A rivelarlo, con un post su Facebook, è il vice segretario provinciale di Forza Italia Gaetano Amatruda, che stuzzica il primo cittadino: “E’ senza stanza? Diamogli coraggio o chiudiamoli in un manicomio”. Per l’esponente di centrodestra, a Palazzo di Città, c’è qualcosa che non funziona come dovrebbe: “La sudditanza psicologica rende gli uomini prigionieri e piccoli. Vincenzo Napoli – spiega - è il primo cittadino nella storia di Salerno che non ha preso possesso della stanza del sindaco a Palazzo di Città. Continua a lavorare in un ufficio che è, da sempre, utilizzato per alcuni dirigenti del gabinetto. Non capita in nessuna parte del Paese. Vi prego – aggiunge Amatruda - qualcuno mi dica che non è vero. Non si può entrare nella stanza che fu di Vincenzo De Luca. Ma sono matti?
Non è una sciocchezza ma è la rappresentazione della patologia. È la fotografia del sistema familistico, è la confusione fra Istituzione ed affari di famiglia. Non è 'casa loro', e' la casa dei salernitani.Pare che uno dei compiti del figlio del Capo sia quello di controllare che la stanza non sia 'usurpata'. Ma è casa loro? Un ufficio privato?”

Di qui l’invito duro e netto rivolto dal giovane dirigente forzista al sindaco Napoli: “Mi auguro capisca che questa 'attenzione' verso De Luca è molto simile al linguaggio, alla simbologia dei sistemi camorristici, e poco rispettosa del mandato ricevuto e dei cittadini salernitani. Mi auguro Napoli capisca che i De Luca lavorano, ogni giorno per delegittimarlo. Serve debole perché al momento opportuno dovrà cedere il passo. È il sindaco eletto, anche il mio, e non può essere utilizzato come un passacarte o un incidente di percorso. Diamo una mano ed Enzo Napoli affinché prenda coraggio e consapevolezza del ruolo o avviamo le procedure per chiudere il secondo cittadino, il Capo dei Capi e il figlio in un manicomio” conclude ironicamente Amatruda.

Leggi>>>La smentita

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, Amatruda rivela: "Non fanno entrare Napoli nella stanza che fu di De Luca"

SalernoToday è in caricamento