Politica

Condanne per i militanti, Casapound: "Siamo estranei al processo"

Casapound: "Siamo certi che la verità verrà fuori e Luca Lezzi, ingiustamente accusato da quasi sei anni, sarà definitivamente prosciolto da tutte le accuse"

Uno striscione di Casapound

Non si fa attendere la replica di CasaPound in merito al processo per il danneggiamento del Centro sociale Asilo Politico del 2007. "I fatti contestati agli imputati risalgono al 2006 e alla prima parte del 2007, mentre CasaPound è nata a livello nazionale solo tra maggio e giugno 2008 - precisano dal direttivo, riferendosi alla richiesta delle quattro condanne per i neofascisti - Risultano, inoltre, faziosi i titoli che indicano i quattro imputati come aderenti a CasaPound Italia: uno solo di loro fa parte del nostro movimento, fin dalla sua fondazione a Salerno. Gli altri tre non sono nostri militanti e, anzi, aderivano a un’organizzazione da sempre distante dal nostro progetto politico”.

Scaglia una lancia in favore di uno degli imputati, infine, il direttivo: "Siamo certi che la verità verrà fuori e Luca Lezzi, ingiustamente accusato da quasi sei anni, sarà definitivamente prosciolto da tutte le accuse, tenendo anche conto del fatto che alcune sono già decadute in fase processuale”, hanno concluso da Casapound.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condanne per i militanti, Casapound: "Siamo estranei al processo"

SalernoToday è in caricamento